NovitàVersus e Consigli per gli AcquistiVideo e Reviews

Galaxy S23 vs Pixel 8: C’è un vero vincitore?

Questo è un versus che tutti aspettavate (e in tantissimi ci avete chiesto). Questo nasce probabilmente dal form factor, decisamente compatto per gli standard attuali, che accomuna i due smartphone. Per un’analisi approfondita dei singoli disposivi vi rimandiamo alle singole recensioni:

Recensione Samsung Galaxy S23: vi sorprenderà!

Recensione Google Pixel 8: Un bel passo avanti

Premettiamo una cosa: questa non vuole essere una sfida con un vincitore netto, perché -molto semplicemente- un vincitore netto non esiste. Piuttosto, vogliamo raccontarvi, ambito per ambito, come si comportano i due dispositivi. Sarete quindi voi a scegliere quello che più preferite, qualora foste indecisi tra i due, sulla base di quelle che sono le vostre necessità e le vostre preferenze.

Estetica e materiali

Un anno fa non avremmo avuto dubbi, ma adesso la situazione è cambiata. Merito di Google, che ha migliorato in modo sensibile la qualità costruttiva. S23 ha un design sicuramente più sobrio ed elegante, mentre quello del Pixel è sicuramente più particolare e riconoscibile. Abbiamo in entrambi i casi vetro posteriore e frame in metallo: a mio avviso, S23 offre una cura del dettaglio superiore, ma non siamo così distanti. Qualsiasi sia lo smartphone che sceglierete tra i due, non vi troverete certo male da questo punto di vista. A livello dimensionale cambia pochissimo, S23 è leggermente più corto e più leggero, ma le differenze a livello di usabilità non sono marcate.

Display

Samsung è considerata (probabilmente a ragione) la regina dei display, soprattutto nella fascia alta del mercato. Fornitore di tantissimi altri brand, la divisione display di Samsung è senz’altro uno dei fiori all’occhiello dell’azienda. Non a caso, anche Google si è affidata ancora una volta a loro per il display montato sul Pixel 8. Se su Pixel 7 Google aveva optato per uno schermo di media qualità (perché è vero che Samsung fa display eccellenti, ma naturalmente dipende anche da cosa gli commissioni), su Pixel 8 la situazione è decisamente diversa. Parlando di meri numeri, abbiamo un display da 6.1″ su S23 e da 6.2″ su Pixel 8, con una densità di 425ppi sul Samsung contro i 428 del Pixel. Differenze anche sulla luminosità massima, maggiore sul Pixel (1400 nits, con 2000 nits di picco per il Pixel, 1200 nits con 1750 nits di picco per S23), che però sembrano essere relegate alle sole specifiche tecniche, perché di fatto la resa visiva è davvero molto molto simile.

Ricezione / Parte Telefonica / Connettività

Il capitolo ricezione è delicato per entrambi i brand: Samsung si è costruita nel tempo la fama di un’azienda che realizza prodotti con una ricezione sotto la media, anche se in tutta onestà -soprattutto con la famiglia S23- le performance di segnale e rete dati sembrano assolutamente in linea con la concorrenza. Pixel, per contro, paga un modem (ironia della sorte, essendo il Tensor strettamente imparentato con i SoC Exynos, proprio di casa Samsung) che spesso ha dato qualche grattacapo, in particolare sulle famiglie Pixel 6 e Pixel 7, difficoltà che si manifestavano soprattutto nei cambi cella (lenti e portatori di evidenti battery drain) e nella resa in ambienti interni. Posso dire -usando ormai Pixel 8 dal day one (anzi, prima del day one) che possiamo dimenticare sicuramente i problemi del passato. Non è diventato un campione di ricezione e non sarà il dispositivo modello che deciderete di portarvi in condizioni di scarso segnale, ma nella maggior parte dei casi non ci sono difficoltà. Anche S23 si comporta bene e non ho riscontrato criticità, né con Iliad né con Unomobile (su rete Vodafone). In chiamata si comportano entrambi in modo egregio, ma preferisco S23 per una qualità dei microfoni che sembra leggermente superiore, forse per una migliore soppressione software del rumore di fondo (in chiamata appunto, la registrazione video è un’altra cosa e ne parleremo).

Il Wi-Fi è performante su entrambi i dispositivi, ma su S23 la velocità massima è superiore (testato con Router Wi-Fi 6E, non avendo a disposizione un router Wi-Fi 7, supportato solo da Pixel 8). NFC e Bluetooth sono affidabili e privi di qualsiasi problematica su entrambi i dispositivi.

Autonomia

Premesso che S23 ha una batteria dalla capienza più piccola (3900 mAh contro 4575 mAh), nonostante lo Snap 8 Gen 2 faccia spesso miracoli inevitabilmente, visto il gap di capacità, ci sono delle differenze. Non parliamo di differenze enormi, ma in media ballano tra i 30 e un’ora di schermo a fine giornata. In questi ultimi giorni, a differenza di S23, l’autonomia del Pixel sembra purtroppo peggiorata (nonostante non siano stati rilasciati ancora aggiornamenti), ma ad ogni modo sarà più facile arrivare a fine giornata con il piccolo di casa Google.

Audio, vibrazione e sensori

Partiamo subito dalla vibrazione perché qui non ci sono dubbi: Pixel 8 tutta la vita. La vibrazione del Pixel è  pura gioia, secca e decisa, integrata in modo divino all’interno dell’interfaccia. Quella di S23 sfortunatamente non è all’altezza di un brand come Samsung, né tantomeno all’altezza della fascia di prezzo che ricopre. Piccolo passo falso per il top brand coreano. L’audio è stereo sia su S23 che su Pixel 8, di buona qualità, senza particolari dominanti sui bassi o sugli alti. Il fingerprint in entrambi i casi è under display ed offre prestazioni sovrapponibili sia come reattività che come precisione. Tutti e due gli smartphone hanno la certificazione IP.

Software e Prestazioni

Se dovessimo sviscerare le peculiarità di ciascun sistema operativo, non basterebbe un lungometraggio. Per maggiori dettagli consiglio di leggere le singole recensioni, tuttavia è palese come Samsung e Google abbiano adottato due filosofie differenti, in parte obbligate (la pletora di servizi offerti da Samsung è smisurata, così come il suo ecosistema rispetto a quello di Google, per cui è evidente che i due software abbiano un “peso” molto diverso). Siamo letteralmente agli antipodi: Samsung ha tantissimi servizi, una personalizzazione piuttosto spinta, tante applicazioni e numerose chicche software, con un’interfaccia lontana dagli standard di Android, mentre Google (sebbene sia un errore definire la Pixel UI “Android puro”), ha un’impronta più minimale e semplice, ma tutt’altro che banale. Google ha spinto più che mai sull’intelligenza artificiale, che è molto presente nel sistema e si propone di migliorare la user experience, senza invadere lo spazio vitale dell’utente. Non esiste un’interfaccia migliore dell’altra, ma se amate la completezza e il “ready to use” probabilmente Samsung ha un certo vantaggio. Da segnalare anche l’interfaccia DeX, che per alcuni può fare la differenza. Per quanto riguarda il supporto software, Google ha voluto esagerare promettendo 7 anni di aggiornamenti, un record nel panorama Android. Samsung, comunque ha una fama di tutto rispetto, offrendo sempre 5 anni di aggiornamenti con patch praticamente mensili (difficilmente Samsung sui top di gamma ha saltato un mese).

Google Tensor G3 per Pixel 8, l’eccezionale Snap 8 Gen 2 per S23. Se si opta per il taglio da 128 GB, le memorie sono UFS 3.1 sia per Pixel che per S23, nel taglio maggiore invece Samsung ha optato per memorie UFS 4.0. Diciamo che la differenza la noterete, di fatto, solo con un cronometro. La maggiore leggerezza della Pixel UI compensa il gap di potenza tra i due SoC.

Fotocamere

Pixel è sinonimo di grande resa fotografica (anche con sensori non propriamente recentissimi). Su Pixel 8 il sensore principale è comunque buono, per cui com’è facile supporre la combo sensore+algoritmi di Google è micidiale e difficile da bissare per S23. Il dettaglio, la velocità di messa a fuoco e la registrazione video (con la chicca anche del miglioramento audio sul Pixel) sono davvero da primo della classe. Sulla ultrawide il gap si riduce, mentre manca sul Pixel 8 uno zoom ottico (c’è soltanto un 2x lossless che va a croppare le immagini restituite dal sensore principale), presente su S23 (un 3x, comunque niente di qualitativamente sorprendente). Sulla fotocamera anteriore preferisco S23, grazie anche alla presenza dell’AF, mancante sul Pixel 8 (a differenza di Pixel 8 Pro).

Prezzo e Conclusioni

Pixel 8 (nel taglio da 128 GB) è uscito a 799 €, mentre S23 è uscito a 979 €. Attualmente il prezzo su strada premia il compatto di casa Samsung, spesso vicino ai 600 €, mentre il Pixel deve ancora subire un calo di prezzo (che sicuramente, grazie alla penetrazione nella GDO, potrà esserci). A 360 gradi, in tutta sincerità, preferisco S23. La One UI non sarà una piuma ma è completissima e confortevole, con alcune chicche quasi esclusive, ed in generale usando S23 si ha l’impressione di uno smartphone più pregiato. Se, invece, il vostro unico obiettivo è un punta e scatta ai limiti della perfezione, Pixel 8 non vi deluderà. I 7 anni di aggiornamenti difficilmente faranno la differenza, visto che sono davvero pochi coloro che decideranno di tenere uno smartphone così a lungo.

Lascia un commento

* usando questo form aderisci all'archiviazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Puoi modificare quando vuoi le tue preferenze. Accetto Leggi di più