L'eredità di LG nel mondo degli smartphone: le feature ormai indispensabili
Android Curiosità Focus

L’eredità di LG nel mondo degli smartphone

LG lascia il mercato degli smartphone dopo un’ultimo tentativo di rinnovare il settore, tutto ciò dopo anni di scelte discutibili che hanno portati gli utenti ad abbandonare il brand. Ma sebbene LG non abbia dominato il settore c’è stato un periodo in cui si guardava con curiosità verso gli smartphone del brand, capaci di portare novità che sarebbero in seguito divenute lo standard del mercato mobile.

Leggi anche: Ufficiale: LG abbandona il mercato degli smartphone

LG G2: le luci alla ribalta di LG

L'eredità di LG nel mondo degli smartphone
LG G2 | Evosmart.it

Già nel 2013 si parlava di difficoltà nel portare innovazione nel mondo degli smartphone. Tra i top di quell’anno LG G2 fu quasi come un fulmine a ciel sereno e portò l’attenzione di tutti sul brand coreano. In quell’anno la diagonale standard per il display si fermava ai 5″; LG G2 invece, pur mantenendo le stesse dimensioni dei suoi competitor, si presentava con un display LCD da ben 5,2″.
Si trattava quindi del primo smartphone a porre l’attenzione sull’ottimizzazione del rapporto tra schermo e cornici. Il prossimo smartphone ad estremizzare questo concetto sarebbe stato a fine 2014 lo Sharp Aquos Crystal, che anticipò con il suo particolare design il più celebre Mi MIX di Xiaomi.

Un’altra particolarità dl LG G2 era l’introduzione della stabilizzazione ottica, la prima volta per uno smartphone Android. Oggi invece non riusciamo ad immaginare un top camera phone che sia privo di questa funzione.

LG G3: il primo display QHD su smartphone in occidente

L'eredità di LG nel mondo degli smartphone: le feature ormai indispensabili
LG G3 | Evosmart.it

Nel 2014 LG prosegue sulla scia del successo di LG G2; questa volta proponendo con LG G3 un display ancora più ampio da ben 5,5″, ma soprattutto più risoluto. LG G3 fu infatti il primo smartphone venduto in Europa con una risoluzione pari a 2560 x 1440 pixel.
Il primato venne anticipato dalla stessa azienda in oriente con il lancio di LG Isai FL, mentre a livello globale ne rivendicano il primato Oppo e Vivo che di fatto anticiparono l’azienda coreana di pochi mesi.

Oggi sebbene non essenziale, la presenza di un display QHD è diventata quasi la norma sui top gamma premium. Di certo ad oggi storceremo il naso a sentir parlare di smartphone da oltre 1000€ ma con display solamente FHD.

LG G5 e il debutto della fotocamera ultra grandangolare

L'eredità di LG nel mondo degli smartphone: le feature ormai indispensabili
LG G5 | Evosmart.it

Questo è sicuramente uno degli smartphone più controversi della storia di LG, il cui esperimento con i moduli non solo non decollò mai, ma causò un contraccolpo tale da influenzare gli smartphone successivi dell’azienda.
Tutto ciò oscuro un’altra novità che successivamente diventò la norma per gli smartphone moderni: ovvero l’introduzione del secondo sensore ultra grandangolare.

Nel 2016 i produttori Android proponevano diversi utilizzi per il secondo sensore fotografico posteriore, mentre Apple invece avrebbe introdotto il secondo sensore posteriore (ma di tipo zoom) solo a fine anno. Negli anni successivi la presenza del secondo sensore ultra grandangolare venne riproposta sui successivi top di LG, mentre il resto della concorrenza sembrò preferire l’ottica zoom alla iPhone.
Tendenza oggi completamente diversa: l’ottica ultra grandangolare è diventata una presenza costante sui top gamma Android, oltre che sui recenti iPhone 11 e 12 che invece rinunciano all’ottica zoom dei modelli Pro.

LG G6: display allungato con angoli arrotondati

L'eredità di LG nel mondo degli smartphone: le feature ormai indispensabili
LG G6 | Evosmart.it

Il colpo subito da LG con il flop commerciale dell’ecosistema modulare di LG G5 condizionò i futuri smartphone dell’azienda. LG G6 presentò quindi un design sotto certi aspetti molto più convenzionale, non mancando però di introdurre qualche piccola novità.

Quasi in contemporanea con Galaxy S8, il top gamma 2017 di LG presentò sul mercato un inedito form factor in 18:9 che ai tempi non era ancora supportato appieno dalle app di terze parti. Ed esattamente come S8, gli angoli dello schermo di LG G6 riprendevano la curvatura del corpo esterno, una soluzione divenuta praticamente lo standard nell’industria attuale degli smartphone. Oltre a ciò venne riconfermata la doppia fotocamera posteriore con ottica standard e ultra grandangolare. Quest’ultima specifica ancora non popolare nel mercato degli smartphone.

Il declino, la perdita di identità e l’ultimo tentativo di riscossa

v50 dual screen 1
LG V50 con cover Dual Screen | Evosmart.it

Successivamente l’azienda non è più riuscita ad introdurre novità che fossero in grado di dare un impatto sul mercato. Alcune funzioni erano di dubbia utilità, tra tutte lo scanner per riconoscimento delle gesture e lo sblocco con il riconoscimento delle vene della mano di LG G8. Altre invece non hanno mai convinto l’utenza: vale la pena di citare la cover Dual Screen. Quest’ultimo accessorio venne riproposto su tutti gli ultimi flagship di LG, anche sull’ultimo smartphone convenzionale dell’azienda: LG Velvet.

L’inaugurazione dell’Explorer Project, accompagnata dal debutto dell’interessante LG Wing sembrava aver posto il sentiero per un possibile riscatto di LG nell’industria mobile. Ma era già troppo tardi per risollevare le sorti dell’azienda, che nel frattempo si era già ritirata da mercati chiave come quello cinese, e sempre meno presente su quello europeo.

LG: tra pochi giorni la conferma sulla chiusura della divisione mobile
LG Wing: l’ultimo tentativo degli ingegneri LG per lasciare il segno nell’industria | Evosmart.it

Di sicuro con l’abbandono da parte di LG del mercato mobile, si viene a perdere un’azienda che anche a costo di correre rischi importanti ha sempre cercato nuovi approcci al mondo degli smartphone. Purtroppo i rischi corsi da LG nel mercato di punta non erano supportati da una base solida di vendite nelle altre fasce di mercato, ed ora l’azienda coreana lascia ad altri il compito di portare novità e innovazione nel mondo degli smartphone.

Life’s Good, LG.

Fonte immagini: Pocket-lint

ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Puoi modificare quando vuoi le tue preferenze. Accetto Leggi di più