Huawei, il suo 2020. HarmonyOS, il futuro è "1+8+N"
Android Focus Novità

Huawei, il suo 2020. HarmonyOS, il futuro è “1+8+N”

Oggi siamo stati da Huawei a Milano per un evento hands-on dei nuovi accessori che sono stati presentati nei giorni scorsi. Grande protagonista è stato ovviamente HarmonyOS.

Leggi anche: Apple arriva con il suo primo visore AR nel 2022!

La community Huawei conta quasi 1 miliardo di utenti

Prima di tutto sono stati snocciolati alcuni dati che vi lasceremo qui in breve. Sono i dati inerenti il 2020 che ha passato Huawei. Tra ban, App Gallery e una community di utenti in continua scesa.

Come possiamo vedere Huawei non avrà passato il suo miglior anno nel 2020, ma è riuscita a crescere lo stesso e a raggiungere alcuni obiettivi.

Innanzitutto ha visto crescere gli introiti del 3.8% con un aumento dei guadagni del 3.2% rispetto all’anno 2019. Il tutto con circa 37 o più dispositivi presentati. Tutto ciò ha portato l’azienda cinese a raggiungere 1 miliardo di dispositivi connessi proprio nello scorso anno, vantando circa 730 milioni di smartphone.

La community Huawei in Italia conta ormai circa 400.000 membri, mentre sono più di mezzo miliardo gli utenti attivi in tutto il mondo.

App Gallery, la risposta di Huawei a App Store, Play Store, Samsung Store e Amazon Store, riesce a raddoppiare il numero di app rispetto al 2019. Solo in Italia sono arrivate 12.000 app nuove.

HarmonyOS, l’Android che non vuole essere paragonato ad Android

Nonostante sembra che alcuni rinneghino il legame tra Android e HarmonyOS, ci sono tante similitudini che saltano all’occhio ai più esperti.

L’HarmonyOS visto oggi è la versione 2.0 del sistema operativo sviluppato da Huawei dal 2016. Il ban americano ha solo accelerato lo sviluppo e trasformato un obiettivo a lungo termine in una necessità del breve termine.

Un OS pensato per i dispositivi connessi e non per gli smartphone, come si potrebbe pensare. Una piattaforma in grado di poter girare sia su dispositivi creati da Huawei che non.

Ed è qui che entra in gioco la strategia 1+8+N di Huawei per HarmonyOS.

L’1 è lo smartphone, che ad oggi è l’unico assente vero del 2021 se si pensa ai prodotti presentati da Huawei. È un hub che abbiamo sempre sotto mano ma che per Huawei non è il centro dell’ecosistema di HarmonyOS.

L’8 sono i dispositivi accessori che produce Huawei stessa. Parliamo di occhiali, tablet, PC, monitor, orologi, speaker, cuffie e sistemi per automobili. Oggi ne abbiamo provati alcuni che vi mostreremo presto in altri articoli e video.

Poi c’è la N. La N è il numero indefinito di device che i partner possono rendere smart grazie ad HarmonyOS. Quindi aspirapolvere, freezer, forni, bilance, stampanti e chi più ne ha più ne metta.

In pratica la forza di HarmonyOS è il suo essere scalabile. Il suo poter funzionare sia su prodotti con 128 KB di RAM, sia su prodotti da più di 4 GB di RAM.

Tutto molto bello. HarmonyOS si candida ad essere un ottimo competitor per Android, iOS e Windows negli anni a venire. Però bisogna ricordare che non solo HarmonyOS è capace di tutto questo. Gli stessi sistemi operativi di Apple (iOS, iPadOS, macOS, tvOS, watchOS), Google (Android, wearOS, Android for Cars, Android TV) e Windows (Windows 10, Windows RT, Windows Phone) per citarne alcuni, sono scalabili.

Fonte

ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI

Lascia un commento

* usando questo form aderisci all'archiviazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Puoi modificare quando vuoi le tue preferenze. Accetto Leggi di più