Android Apple Curiosità Sviluppo

Vorreste ricaricare il vostro smartphone ogni due settimane?

STIMA TEMPO DI LETTURA: 2 min

Cosa c’entra la NASA con i nostri smartphone?

È indubbio che il principale limite dei nostri telefoni sia la durata della batteria: ricaricarli quasi ogni giorno, spesso, può essere poco pratico. Eppure una nuova ricerca è pronta a rivoluzionare questo procedimento.

Ed è proprio qui entra in ballo la NASA, in particolar modo una ricerca affidata al Jet Propulsion Laboratory. Tutto si basa sul fluoruro, il fluoro con carica negativa.

Leggi anche La Dark Mode salverà la vostra batteria, parola di Google

Parliamo di una sostanza che assicurerebbe alle batterie degli smartphone una durata di due settimane, circa otto volte superiore all’attuale. La scoperta è stata pubblicata sulla rivista Science e, visto le premesse, non si può fare altro che spera che tutto questo diventi realtà.

Nonostante tutti gli accorgimenti software, batterie sempre più grandi e sistemi di risparmio energetico più efficienti ed avanzati, tutti noi a fine giornata dobbiamo fare i conti con la percentuale di batteria rimasta sullo smartphone.

 

Vecchia scoperta?

Batterie sempre cariche? | Evosmart.it

 

In realtà siamo di fronte ad un’innovazione che risale a circa quarant’anni fa, ma mai portata a compimento.

“Le batterie al fluoruro potrebbero durare molto più a lungo rispetto alle attuali” sostiene Robert Grubbs, Nobel per la chimica nel 2005. Tuttavia egli stesso afferma come “il fluoruro sia una sostanza difficile da lavorare, molto corrosiva e reattiva”.

La ricerca però, sfruttando le nuove tecnologie, ha probabilmente ovviato a quello che era il maggior problema delle prima batterie a fluoruro: la tendenza a scaldare incredibilmente. Sim Jones, ricercatore del Jet Propulsion Laboratory, sostiene che grazie ai nuovo studi è stato possibile creare la prima batteria al fluoruro ricaricabile funzionante a temperatura ambiente.

Si tratta comunque di un prototipo non ancora applicabile agli smartphone, ma sicuramente di una novità che potrebbe fare felici molti possessori di smartphone. Moltissimi.

Non ci resta che armarci di pazienza (e powerbank?) e vedere se in un futuro non troppo lontano questa innovazione arriverà sui nostri dispositivi.

 

Fonte CorriereComunicazioni

 

 

ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI

1 commento

Avatar
AustJeozy 14 Maggio 2019 at 1:16

Cialis Generique Mastercard [url=http://kamagorder.com][/url] Cialis Nei Giovani Canadian Drug Store No Script

Rispondi

Lascia un commento

* usando questo form aderisci all'archiviazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Puoi modificare quando vuoi le tue preferenze. Accetto Leggi di più