Accessori Recensioni Xiaomi

Xiaomi Mi band 3 è ancora la migliore Smartband economica – Recensione

STIMA TEMPO DI LETTURA: 6 min

Sono passati ormai 4 anni da quando Xiaomi, forte del suo essere un azienda nuova ed innovativa, lanciava sul mercato la primissima Xiaomi Mi Band, un vero e proprio miracolo di ingegneria che consentiva a tutti di poter acquistare un “indossabile” al giusto prezzo. Erano i tempi dove c’erano poche aziende interessate a questo settore, che si pensava sarebbe esploso come nuova moda post smartphone, e con prodotti non sempre completi a dei prezzi esorbitanti.

Recensione Mi Band 3
La band è praticamente immutata | EvoSmart.it

4 anni dopo la prima Xiaomi Mi Band, e 2 anni dopo la Mi Band 2, ecco che siamo pronti a provare la terza incarnazione della smartband più venduta al mondo. Xiaomi Smart Band 3 sarà ancora la migliore smartband economica? Scopriamolo insieme!


Video Recensione


Impressioni “fisiche”

Esattamente come le sue due “sorellone”, la nuova Mi band 3 si presenta come un cilindretto di policarbonato, questo cilindretto andrà poi inserito in un braccialettino, che può essere plastico come quello stock oppure di altri materiali, ma solitamente queste alternative escono dopo e non sono quasi mai ufficiali. Al suo interno trovano spazio tutti i sensori che ci servono per monitorare l’attività fisica, insieme ad un ottimo sensore di battiti cardiaci.

All’interno della Mi Band 3 trovano spazio un accelerometro a 3 anni, una batteria da 110 mAh ed il chip bluetooth 4.2, manca purtroppo il GPS, che ci saremmo aspettati dopo ben 3 restyle del prodotto, ma non manca per fortuna il fortissimo motorino della vibrazione per le notifiche.

Il display, vera novità della Mi Band 2 e aggiornato in questa Mi Band 3, è un unità OLED da 0,78 e 128 x 80 pixel di risoluzione. Ma non sono solo le caratteristiche del display la novità, ne parleremo bene dopo ma ora il display è completamente touch rispetto al passato. L’unica nota dolente del display è la poca leggibilità sotto il sole, un aspetto criticato nella scorsa Mi Band 2 e migliorato pochissimo in questa nuova 3.

recensione mi band 3
Schermino bombato e touch | Evosmart.it

Il display, come detto in precedenza, è totalmente touch e permette di muoversi nel piccolo menù della band, un ottimo upgrade dal tastino ( scomodo) della Mi Band 2, non solo ma la maggior risoluzione permette, finalmente, di poter leggere le notifiche in maniera più indipendente dallo smartphone, la possibilità di leggere un messaggio alzando il polso avvicina spaventosamente la nuova Mi Band 3 alla categoria degli smartwatch e, visto il prezzo, la cosa ci piace davvero tantissimo!

Detto questo la Mi Band 3 è comoda, esattamente come lo erano la Mi Band 2 e la prima Mi Band, grazie alla sua leggerezza e alle sue dimensioni. Forse è ancora presto per dirlo ma viste le esperienze passate consigliamo di dotarvi di almeno un paio di braccialetti di ricambio se intendete utilizzarla tutti i giorni!

La vibrazione, vero punto di forza “fisico” di tutte le Mi Band, è stata ulteriormente migliorata, adesso il feedback è talmente forte che quasi da fastidio, son convinto al 100% che non perderete mai una notifica o una sveglia, questo cosino vibra davvero tanto.


Impressioni software

Il vero cuore pulsante della Mi Band però è Mi Fit, l’ormai famosissima applicazione di Xiaomi per interfacciarsi con tutti gli accessori Xiaomi, Mi fit non gestisce solo la Mi Band ma anche le bilance smart, per fare un esempio.

Xiaomi ha potenziato molto la parte software della Mi Band 3, adesso si potranno leggere le ultime 5 notifiche presenti sullo smartphone, sono state aggiunte un sacco di applicazioni, come Youtube o Slack. La possibilità di leggere fisicamente il testo di una notifica, ad esempio di Messenger, è un passo avanti davvero notevole in tutto l’ecosistema Xiaomi.

Sensore di battiti cardiaci in posizione migliorata | EvoSmart.it

Mi Fit consente anche di interagire con delle “mini applicazioni” precaricate nella Mi Band 3, come ad esempio il Meteo, il Cronometro o la possibilità di cambiare il Layout della Home ( ce ne sono 3 disponibili al momento). Oltre a questo si potranno, ovviamente, monitorare i passi fatti, le calorie bruciate e far partire il sensore di battiti cardiaci a piacimento.

Ed è proprio la parte Fitness il punto più importante di Mi Fit, ma non staremo qui a parlarvene troppo visto che l’applicazione è la stessa per tutti i dispositivi Xiaomi.


Autonomia

Uno dei talloni d’Achille di qualsiasi indossabile è la scarsa autonomia, la maggior parte degli smartwatch durano poco meno di 2/3 giorni di utilizzo leggero e questo li penalizza molto. La Xiaomi Mi Band 3 va decisamente oltre e riesce a durare ben 10 giorni con tutte le notifiche attive, la scansione periodica dei battiti cardiaci e la sincronizzazione automatica con Mi Fit, disattivando il sensore dei battiti, attivabile comunque sempre a mano con 2 swipe sul display della band, l’autonomia praticamente raddoppia e si riesce anche a raggiungere un mese disattivando pure la sincronizzazione automatica.

La ricarica avviene tramite i due, ormai iconici, pin metallici posti all’estremità della band, per ricaricare la batteria da 110 mAh l’unico modo è utilizzare il cavetto originale in dotazione, niente mini/micro Usb, e sarebbe consigliato farlo con caricatore molto lento vista la delicatezza della batteria. Con questo non voglio dirvi che se usate un caricatore quick charge la Mi Band 3 vi esplode, solo che è meglio usare qualche piccola accortezza e coccolarla con poca corrente.


Conclusioni

Arrivati alla fine di questa brevissima recensione cosa possiamo dire della Xiaomi Mi Band 3? Niente che non sapessimo già analizzando il passato!

Xiaomi Mi Band 3 è la migliore smartband economica sul mercato, come lo erano la Mi Band e la Mi Band 2 prima di lei, a cui si potrebbe chiedere solo un chip GPS per renderla perfetta. Sarebbe carino averne una versione “Pro”, anche più costosa, con tale caratteristica, sopratutto pensando che ne esiste anche una versione con chip NFC ancora introvabile.

Alla Xiaomi Mi Band 3, al netto del GPS, non manca davvero nulla, è leggera, robusta, ha il touch e può finalmente leggere le notifiche, monitora il sonno e ci sveglia, va sott’acqua fino a 50 metri e ci misura anche le pulsazioni, cosa chiedere dunque di più? Forse solo la lingua Italiana, ma quella arriverà sicuramente fra qualche tempo!

Al momento Xiaomi Mi Band 3 è disponibile su Gearbest al prezzo di 35€ circa.

ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI

2 commenti

Xiaomi Mi Band 4 avrà il display a colori e non solo! Ecco le novità - Evosmart.it 9 Maggio 2019 at 13:13

[…] Leggi anche: Xiaomi Mi band 3 è ancora la migliore Smartband economica – Recensione […]

Rispondi
Xiaomi Mi Band 4: ecco una nuova immagine del prossimo wearable - Evosmart.it 16 Maggio 2019 at 12:38

[…] Leggi anche: Xiaomi Mi band 3 è ancora la migliore Smartband economica – Recensione […]

Rispondi

Lascia un commento

* usando questo form aderisci all'archiviazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Puoi modificare quando vuoi le tue preferenze. Accetto Leggi di più