Recensioni Smartphone & Tablets Xiaomi

Recensione Xiaomi Mi 10: un top di gamma ambizioso!

STIMA TEMPO DI LETTURA: 7 min

Xiaomi Mi 10 rappresenta l’ultima offerta top di gamma della casa cinese. Uno smartphone dalle specifiche tecniche davvero interessanti ed importanti, che paga però lo scotto di un software ancora non perfettamente ottimizzato. Scopriamolo insieme!

XIAOMI MI 10

Scheda tecnica
  • SoC: Qualcomm Snapdragon 865
  • CPU: (1×2.84 GHz Kryo 585 + 3×2.42 GHz Kryo 585 + 4×1.80 GHz Kryo 585)
  • GPU: Adreno 650
  • RAM: 8 / 12 GB LPDDR5
  • Storage: 128 / 256 GB UFS3.0 non espandibili
  • Display: 6.67″ Super AMOLED Full HD+, DCI-P3, HDR10+, 90 Hz
  • Fotocamera principale:
    • 108 MP, f/1.7, (wide), 1/1.33″, 0.8µm, PDAF, OIS
    • 13 MP, f/2.4, 12mm (ultrawide)
    • 2 MP, f/2.4, (macro)
    • 2 MP, f/2.4, (profondità)
  • Fotocamera frontale:
    • 20 MP, f/2.0, (wide), 1/3″, 0.9µm
  • Connettività: WiFi 802.11 ax dual band, Bluetooth 5.1 con supporto A2DP + aptX HD + aptX Adaptive, GPS Dual-band GLONASS + BDS + GALILEO + QZSS, NFC, porta infrarossi, USB 2.0 Type-C
  • Sensori: fingerprint (sotto display, ottico), accelerometro, giroscopio, prossimità, bussola, barometro
  • Batteria: 4780 mAh con Fast Charging a 30 Watt Power Delivery 3.0 – Wireless Fast Charging 30 Watt e Reverse Wireless Charging a 5 Watt
  • Dimensioni: 162.6 x 74.8 x 9 mm
  • Peso: 208 g

DESIGN, MATERIALI E COSTRUZIONE

Xiaomi Mi 10 | Evosmart.it

Xiaomi Mi 10, come da tradizione Xiaomi, è uno smartphone top di gamma realizzato con materiali assolutamente premium. Abbiamo, infatti, un corpo realizzato completamente in alluminio, con inserti posteriori in vetro, che si va perfettamente a fondere con il frame senza apparente soluzione di continuità.

La qualità costruttiva è di altissimo livello, dimostrando quanto Xiaomi sia migliorata da questo punto di vista, e sia ora in grado di proporci dei dispositivi che sono qualitativamente indistinguibili da un top di gamma di qualche casa dal nome più blasonato.

Come al solito, abbiamo anche una certa attenzione dal punto di vista del design: Xiaomi Mi 10, infatti, va ad abbandonare il notch a goccia, caratteristica dominante del predecessore Xiaomi Mi 9, per passare ad una soluzione à-la Samsung. Il nuovo display, infatti, è dotato di un “display hole“, che ospita la fotocamera, posizionato a sinistra, nella parte superiore dello schermo.

Si tratta di una soluzione che, per molti, potrebbe risultare più invasiva, ma che invece dal mio punto di vista contribuisce ad aumentare l’uniformità del display e la sua immersività senza dover per forza adottare soluzioni quali fotocamere pop-up o schermi secondari sul retro.

DISPLAY

Xiaomi Mi 10 display | Evosmart.it

Il display di Xiaomi Mi 10 è costituito da un pannello Super AMOLED da 6.67 pollici, in risoluzione Full HD+ (1080 x 2340 pixel). Si tratta di un pannello di ottima qualità, dotato delle certificazioni DCI-P3 e HDR10+, che lo rendono ideale per la consumazione di contenuti digitali ad alta definizione in mobilità.

Anche Xiaomi, quest’anno, sale sul carro dei display ad alto refresh rate, proponendoci un pannello da 90 Hz, dotato di un sistema di touch sensing a 180 Hz, che ci promette prestazioni ed esperienza d’uso notevolmente migliorate rispetto ad un classico pannello a 60 Hz.

Un pannello di ottima qualità, praticamente identico a quello già visto su OnePlus 7 Pro, con una definizione leggermente inferiore, che però non è assolutamente visibile ad occhio nudo e non va assolutamente ad inficiare l’esperienza di utilizzo.

PRESTAZIONI E SOFTWARE

Xiaomi Mi 10 con Snapdragon 865 | Evosmart.it

Xiaomi Mi 10 è sicuramente uno degli smartphone Android più veloci del momento. Esso detiene infatti il primo posto, assieme a Oppo Find X2, per quanto riguarda velocità e prestazioni nell’uso quotidiano, segno che comunque, nonostante il minimo upgrade lato performance, il nuovo Snapdragon 865 si fa sentire.

Probabilmente, ne è complice la memoria RAM LPDDR5, la prima montata su di uno smartphone di ultima generazione. Una tecnologia in grado di ridurre i consumi di energia e migliorare le prestazioni circa del 50% rispetto alla precedente generazione LPDDR4X.

Ovviamente, anche il software gioca la sua parte, con una MIUI 11 che ormai abbiamo imparato a conoscere e che risulta essere ben ottimizzata dal punto di vista delle prestazioni. Una MIUI 11 che riesce anche a fornirci un’esperienza consistente durante l’uso quotidiano ma che, in questo caso, limita sicuramente le capacità hardware del telefono, soprattutto dal punto di vista fotografico, a causa della giovinezza del software stesso.

FOTOCAMERA

Fotocamera Xiaomi Mi 10 | Evosmart.it

Xiaomi Mi 10 è dotato di un modulo fotocamera composto da 4 fotocamere totali: abbiamo un sensore principale wide da 108 MP f/1.7, un sensore con lente ultrawide da 13 MP f/2.4, un sensore con lente macro da 2 MP f/2.4 ed un sensore di profondità, anch’esso da 2 MP f/2.4.

Si tratta di una dotazione assolutamente completa, che promette risultati di prima categoria ma che, sfortunatamente, si trova a combattere con una dotazione software acerba, attualmente non in grado di sfruttare appieno l’hardware messoci a disposizione dalla casa madre.

Durante il nostro test, infatti, Xiaomi Mi 10 non è riuscito a fornirci risultati consistenti dal punto di vista fotografico e videografico, indipendentemente dallo stato dell’ambiente circostante. Spesso e volentieri, infatti, le fotografie restituite risultavano essere non perfettamente a fuoco, con una intrinseca mancanza di profondità di campo, che le rende poco appetibili.

Fortunatamente, Xiaomi ha rilasciato dopo pochi giorni un update software che è stato in grado di correggere, almeno parzialmente, i problemi sopra indicati, lasciandoci però un certo amaro in bocca dal punto di vista della qualità video. La stabilizzazione video, infatti, è apparentemente inesistente, soprattutto se si registrano clip in 4K e 4K a 60 fps.

Questo dimostra che, sicuramente, Xiaomi ha tanto da lavorare se vuole dimostrare di essere in grado di competere con la concorrenza, soprattutto anche al fronte dei numeri che rappresentano i sensori montati su questo Mi 10.

AUTONOMIA

L’autonomia di Xiaomi Mi 10 è buona. Non si tratta assolutamente di un battery phone, ma la grande batteria da 4780 mAh non si fa assolutamente intimidire dal display da 6.67″ Full HD+ a 90 Hz, che rappresenta probabilmente la fonte di maggior consumo di Xiaomi Mi 10.

La batteria, infatti, ci ha sempre permesso di arrivare a sera con percentuali di batteria sempre nel territorio delle doppie cifre, utilizzando sempre il display a 90 Hz e tutti i servizi attivi in background, comprese le varie connettività dati.

Risultato che può essere sicuramente migliorato andando ad impostare il refresh rate a 60 Hz e riducendo la mole dei servizi attivi in background, rischiando però di “castrare” a priori lo smartphone.

CONSIDERAZIONI FINALI

Xiaomi Mi 10 è sicuramente uno smartphone interessante, che va tenuto d’occhio, soprattutto per quanto riguarda l’esperienza software, che rappresenta ad oggi l’unico vero collo di bottiglia di uno smartphone dalla dotazione hardware semplicemente mostruosa.

Uno smartphone che viene lanciato sul mercato europeo al prezzo ufficiale di listino di € 799 per quanto riguarda la versione 8 / 128 GB e di € 899 per quanto riguarda invece la versione 8 / 256 GB. Un prezzo di listino che si avvicina pericolosamente a quello dei top di gamma degli altri competitor, dimostrando come Xiaomi sia intenta a penetrare in una fascia di mercato a lei ancora sconosciuta in occidente.

Un prezzo di listino che, però, vi deve far considerare in questo caso anche tutti quelli che erano quei difetti che potevamo ignorare sulle precedenti generazioni di top di gamma Xiaomi grazie al loro prezzo super interessante.

ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Puoi modificare quando vuoi le tue preferenze. Accetto Leggi di più