Recensioni Smartphone & Tablets

Recensione Moto G6 Plus – Medio gamma al TOP

STIMA TEMPO DI LETTURA: 14 min

Motorola, il marchio più storico del settore della telefonia mobile, ha presentato di recente, e dopo tantissimi leak, la sua nuova fascia media per questo 2018, non troppe novità sotto il cofano ma tantissima sostanza. Reduce di un buon periodo anche lato vendite, scopriremo insieme se anche il nuovissimo Moto G6 Plus merita di essere acquistato o no, si parte!

Recensione Moto G6 Plus
Si, sembra uno smile | EvoSmart.it

Ringraziamo innanzi tutto Motorola, sempre attenta nello spedirci le ultime novità del proprio catalogo tra cui il Moto G6 Plus protagonista di questa recensione. Fatti i dovuti ringraziamenti, posso dirvi che è sempre bello recensire un Motorola della serie Moto G, la stessa serie che nel lontano 2013 fece nascere il famosissimo hashtag #megliomotoG e che, con alti e bassi, è sempre stata sinonimo di un ottima fascia media, riuscirà Moto G6 Plus a tramandare la tradizione di famiglia? Iniziamo scoprendo la sua scheda tecnica.


VIDEORECENSIONE

[stextbox id=’info’] [toggles title=” Scheda tecnica Moto G6 Plus“]
  • Processore Qualcomm Snapdragon 630
  • CPUOcta-core 2.2 GHz Cortex-A53
  • GPU Adreno 508
  • Sistema operativo Android 8.0
  • Display 5.9″ LCD IPS Full HD+ ( 1080 x 2160 ) in formato 18:9
  • Memoria RAM 4/6 GB
  • Memoria ROM 64/128 GB espandibile con micro SD
  • Fotocamera posteriore 12 MP (f/1.7) + 5 MP (f/2.2) Registrazione Video 4K a 30 FPS
  • Fotocamera frontale 8 Mpx apertura f/2.2 con flash led ; registrazione video Full HD 1080P
  • Dimensioni 160 x 75.5 x 8 mm per 167 grammi
  • Batteria 3200 mAh con carica rapida
  • Connettività Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac Dual Band, Bluetooth 5.0, A2DP, LE, aptX HD
  • Extra USB Type-C 2.0, sensore di impronte digitali frontale
[/toggles] [/stextbox]

Design e materiali

Finalmente un po di, sana, novità per la serie Moto G, il nuovo Moto G6 Plus è abbastanza diverso rispetto ai suoi predecessori, sia come qualità dei materiali, già migliorati con G5 l’anno scorso, che come design e piacevolezza estetica. Moto G6 eredita, in parte, i canoni estetici di Moto X4 portandoli nello sconfinato mondo dei display 18:9. Davvero bella la costruzione di questo G6 Plus, il vetro posteriore da un tocco di eleganza, che non guasta mai, e simula quell’effetto traslucido già visto su Honor 8 e Honor 9, molto bello da vedere e molto piacevole da toccare.

La serie Moto G non è mai stata al top sotto il profilo dei materiali, ma già con G5 l’anno scorso si iniziava a percepire l’inversione di tendenza consacrata definitivamente con questo G6 Plus. I materiali, come detto in precedenza, sono abbastanza premium, dico abbastanza perché, sebbene per un prodotto da 299€ di listino non siano male, il frame è plastico, assemblato benissimo ma sempre plastico.

Recensione Moto G6 Plus
Frame plastico ma di qualità | EvoSmart.it

Sul retro troviamo una “novità” introdotta da Motorola ai tempi del primo Moto Z, la fotocamera con quel design ormai iconico nel suo cerchietto. Probabilmente non piacerà a tutti ma è un tratto distintivo del produttore ormai da qualche annetto e ritrovarlo anche sulla fascia media fa piacere. La fotocamera è doppia, e ricorda questo famosissimo smile O_o , e sempre all’interno del cerchio troviamo il flash dual tone. Sul resto del retro troviamo solo il logo alato di Motorola, sotto il vetro, e nient’altro.

Sul frame laterale trovano spazio i tasti volume, il tasto accensione e spegnimento, il jack da 3.5mm e la presa USB Type-C, ed è sul frontale che troviamo le novità maggiori.

Il frontale ospita l’ampio display da 5.9″ in formato 18:9, il tasto centrale dotato di sensore di impronte digitali con cui interagire col telefono, e completissimo grazie alle Moto Action, ed una piccola chicca, un flash frontale per i selfie. Il tasto centrale cambia radicalmente design, allungandosi come il display, e ci fa finalmente dimenticare quell’orribile tasto quadrato del Moto G4 Plus!
Peccato solo per la mancanza di un led di notifica, se mi metti un flash per i selfie potevi mettermi un led di notifica Motorola!

Motorola Moto G6 Plus
Tasto frontale allungato come il display | EvoSmart.it

Parlando di ergonomia, Moto G6 Plus non è un telefono piccolo ma la bombatura posteriore aiuta non poco il grip, personalmente non ho mai trovato questo telefono scomodo, e si porta molto anche nella tasca di un comunissimo paio di jeans estivi leggeri. A differenza di Moto X4, che era certificato IP67, qui abbiamo solo una protezione “Splash” contro pioggia e schizzi accidentali, meglio di niente.


display

Come l’ho definito parlando ad un amico il display di Moto G6 Plus è il “classico display LCD di Motorola”, un ottimo display per l’uso di tutti i giorni. Non tutti vogliono una copertura colore sRGB del 130%, colori più veri del vero e neri più neri del nero no? Il pannello di questo Moto G6 Plus probabilmente non vincerebbe nessun trofeo, ma si lascia guardare con piacere nella vita quotidiana e permette di leggere sempre tutto in modo chiaro in qualunque situazione, non si può davvero chiedere niente di più da un display di un medio gamma.

Moto G6 Plus display
Il display luminoso è una goduria | EvoSmart.it

A differenza di altri telefoni, si parlo proprio di te OnePlus 6Moto G6 Plus ha una sua modalità “Max auto” che spinge la luminanza di picco fino a quasi 800 nits, davvero un ottimo risultato!

Il resto delle specifiche sono scritte nella scheda tecnica, il pannello è un unità da 5.9″ in 18:9 a risoluzione Full HD+. Non manca nemmeno la modalità Ambient Display, e di cui Motorola è stata una delle migliori utilizzatrici in questi anni.


prestazioni e ui

Ecco forse un aspetto dove Motorola poteva, forse, osare un pelino di più. Il processore che muove tutto il telefono è lo Snapdragon 630, un ottimo SOC di fascia media, erede del famosissimo Snapdragon 625 tanto caro a Xiaomi, che offre un perfetto bilanciamento fra prestazioni e consumi. Lo Snapdragon 630 consiste in una CPU Octa-Core composta da 2 cluster da 4 core a 2.2 e 1.8 GHz, core ovviamente Cortex A53, una garanzia per quanto riguarda i consumi.

Snapdragon 630 è sinonimo di prestazioni ottimali |EvoSmart.it

Non starò qui a parlarvi troppo dello Snapdragon 630, sappiate solo che, così come il 625 l’anno scorso, è un processore davvero notevole per il prezzo proposto. Non manca davvero niente, le connessioni sono aggiornate con li stessi standard del top di gamma 845, per dire, e la GPU Adreno 508 unita ai core A53 permette di registrare anche in 4K, cosa che ad esempio un Galaxy A8 non è in grado di fare.

La Rom stock di Motorola, unita perfettamente alle Moto Mods, permette di avere prestazioni sempre al top anche con un SOC di fascia media, nessun lag ne impuntamenti di sorta in nessuna condizione. Prima dicevo che forse Motorola poteva osare di più, e forse uno Snapdragon 636 sarebbe stato preferibile ma, alla fine, per 299€ di listino ci basta il 630, dopo tutto un Sony Xperia XA2 costa 349€ di listino ( con uno street price attuale di 260€) ed ha metà della Ram e della memoria, pur condividendo l’ottimo Snapdragon. La memoria infatti è tantissima, si parte da 64 GB e si arriva a 128 GB, espandibili fino a 256 GB, per un medio gamma è davvero notevole.

Leggi anche : Recensione Xperia XA2 – Gigante Giapponese!

Moto G6 Plus Review
Navigazione internet al TOP | EvoSmart.it

 

Parlando di UI, la rom di Motorola è quanto di più vicina ad Android Vanilla ci sia sul mercato. L’interfaccia grafica è arricchita “solo” da delle icone proprietarie, carine, mentre il resto della personalizzazione software è affidato alle App proprietarie Motorola e alle Moto Mods/Action. Le Moto Action consentono di interagire col telefono tramite il tasto centrale, ovviamente dotato di funzionalità touch, e con vari swipe si possono fare un sacco di cose, tenendo invece premuto il tasto centrale manderemo il telefono in standby.

Home semplicemente funzionale | EvoSmart.it

Le personalizzazioni, al netto del mitico Ambient Display, si limitano a questo, semplice interazione col telefono, come ad esempio la modalità ad una mano o le gesture fisiche muovendo il telefono, e nient’altro. La cosa mi piace assolutamente perchè, oltre a trovarmici davvero bene, sono sempre stato un fan della rom stock di Android.

Come sempre, e per i più curiosi ecco i punteggi dei più famosi benchmark di Motorola Moto G6 Plus.

 


Fotocamera e Multimedia

Motorola ha introdotto la doppia camera con i suoi S l’anno scorso, Moto G5 Plus originale aveva un ottima camera singola, e non poteva non mancare sul Moto G6 Plus. Il sensore principale è da 12 Megapixel con messa a fuoco dual pixel, come su Galaxy S7, S8 ecc, ed un ottima apertura focale di 1.7. Le foto vengono bene in quasi tutte le situazioni, soffre un pochino al buio ma parliamo sempre di un medio gamma.

Doppia fotocamera per sfocati buonissimi | EvoSmart.it

Se vi ricordate la fotocamera di Moto X4, qui siamo di fronte allo stesso “corpo” ma con lenti decisamente migliori, i risultati sono davvero soddisfacenti per un telefono da 300€, forse un po troppo gialli scattando con luce artificiale. Il software è completamente “made in Motorola” e possiamo divertirci sia in automatico che in manuale. La seconda fotocamera da 5 Megapixel, f/2.2, serve solo ed esclusivamente per calcolare la profondità di campo ed aiutare nello sfocato.

Buona anche la fotocamera per i selfie, il flash frontale, già visto su altri smartphone, è un aggiunta carina anche se lo sfocato sul frontale non viene sempre perfetto.

Moto G6 Plus review
Ma ciao jack da 3.5mm | EvoSmart.it

Cosa è veramente buono però è l’audio, che esce dalla capsula auricolare, potente e chiaro in ogni situazione, con un vivavoce perfetto anche in macchina. La presenza della tecnologia Dolby Audio aiuta senza ombra di dubbio, gli equalizzatori sono ben 10 per tutti i gusti e tutte le orecchie. L’unico appunto che mi sento di fare a Motorola, va benissimo l’audio ma con un display 18:9 e i bordi sottili, tante volte ho messo il pollicione sopra la capsula usando il telefono in landscape, andando a tappare l’uscita dell’audio.

Potete vedere le foto scattate ma Moto G6 Plus cliccando qui!

Piccola nota positiva, come detto prima, Moto G6 Plus registra video in 4K, niente male davvero!


Ricezione e parte telefonica

Siamo di fronte ad un Motorola, possiamo aspettarci cose brutte sotto il profilo telefonico? Assolutamente no e, infatti, Moto G6 Plus non tradisce le nostre aspettative. Lo smartphone prende benissimo sempre e, nota positiva, non ha il maledetto slot ibrido per le 2 sim, come Huawei. È infatti possibile usare contemporaneamente 2 schede SIM ed una micro SD, fino a 256 GB, le sim possono lavorare in modalità “dual stand-by”.

Molto buoni sia i microfoni che la capsula auricolare, telefonare con Moto G6 Plus è stato un piacere per tutto il tempo che ho avuto l’onore di utilizzarlo come mio telefono principale.


autonomia

Sotto il profilo dell’autonomia siamo messi abbastanza bene, lo Snapdragon 630 è molto ben bilanciato lato consumi, e la rom stock senza troppe schifezze risulta molto meno energivora rispetto ad una Touchwiz. Moto G6 Plus mi ha sempre portato a sera con circa 5 ore, 5 ore e mezza, di display totali. Siamo in linea con tanti altri smartphone simili, come ad esempio il già citato Xperia XA2 di Sony che forse dura qualcosa di più.

Moto G6 Plus autonomia
La batteria dura il giusto | EVoSmart.it

3200 mAh non sono pochi ma non sono nemmeno “tanti” considerato che dobbiamo muovere un display da 6 pollici molto luminoso, si poteva fare qualcosa di più ma non mi posso assolutamente lamentare. È ovviamente presente il supporto alla ricarica rapida in caso vi servisse un po di carica per le ore serali di una giornata stressante.


considerazioni finali

Arrivati alla fine di questa recensione cosa abbiamo imparato? Che Motorola non ha rovinato la sua fascia media!

Scherzi a parte, provare Moto G6 Plus è stato bello, davvero, e anche se non siamo più ai tempi di #megliomotog, dove la fascia media era dominata da schifezze assolute, siamo comunque di fronte ad un telefono molto ben riuscito, costruito perfettamente e con nessun difetto eclatante. Ovviamente Moto G6 Plus, coi suoi 300€, non vuole essere un top di gamma, ma vuole essere al top nella sua fascia di mercato riuscendoci quasi del tutto. La concorrenza offre costruzioni metalliche, il vetro da solo non basta, certificazioni IP complete o fotocamere migliori, ma Moto G6 Plus non sfigura in nessuno dei campi appena citati.

Anche il frontale sembra una faccia | EvoSmart.it

Se volete un telefono solido, sia nella costruzione che nelle prestazioni, allora Moto G6 Plus farà sicuramente al caso vostro, ampio display, tantissima memoria, buone foto, ottimo audio ed una ricezione da paura lo rendono uno dei possibili “Top di fascia media 2018”!

 

Acquista Motorola Moto G6 Plus su Amazon!

 

ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI

Lascia un commento

* usando questo form aderisci all'archiviazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Puoi modificare quando vuoi le tue preferenze. Accetto Leggi di più