MacBook con processore ARM dal 2021?
Apple macOS Novità PC e Mac

MacBook con processore ARM dal 2021?

Se ne parla da un pezzo. Il primo Mac a montare un processore di tipo ARM al posto dei normali Intel X86 dovrebbe arrivare nel corso del prossimo anno, nel 2021.

Vediamo come, quando e perchè di questa possibile scelta. Perchè già altri ci hanno provato in passato e nel presente. Ma non sempre con i risultati sperati.

Leggi anche: SQUID App: le nostre news sugli smartphone Huawei

MacBook Pro 16 pollici

Microsoft ci ha già provato in passato con Windows RT. Uscito nel 2012 con Windows 8 al suo interno non ha avuto troppo fortuna. Infatti il progetto si è concluso con l’ultimo release software con Windows 8.1 solo un anno dopo, nel 2013. Il problema principale di questo prodotto fu la mancata o superficiale informazione che venne data al cliente. Perchè chi pensava di acquistare un PC Windows a tutti gli effetti si trovava con un prodotto monco, che poteva usare solo le applicazioni scritte ad hoc per funzionare su processori ARM. Quindi dimenticatevi tutto quello che usate a parte la calcolatrice, il blocco note e qualche giochino. In una parola. Un FLOP.

Caso diverso riguarda tutte quelle distro Linux che per necessità sono state pensate e scritte per funzionare solo o anche su processori di tipo ARM.

Veniamo al dunque. MacBook e ARM possono coesistere?

Sni. Nel senso che non c’è una vera risposta. Tutto dipende da come una cosa viene pensata, creata, e infine usata. Windows RT dal canto suo ebbe un problema di mancata spiegazione del mezzo. Come Windows 10S ora, è in grado di eseguire solo le applicazioni dello Store Microsoft e non i classici eseguibili .exe. Quindi il primo scoglio, e più probabilmente il più importante riguarda le applicazioni.

Un MacBook basato su ARM può far girare tutte le applicazioni correnti?

Come ci ha insegnato la (brutta) storia di Windows RT la risposta è no. Nel senso che nel momento in cui verrà presentato questo MacBook dotato di processore ARM, esso sarà in grado di eseguire solo le applicazioni native di quel dispositivo e poche altre che sono già state convertite e riscritte per ARM. Per quanto riguarda le app più complicate o di terze parti bisognerà aspettare. Perchè a meno di sorprese di Apple, le grandi aziende non sono mai troppo celeri in questo tipo di cambiamenti.

In casa Apple ha un precedente. Nel passaggio di consegne tra macOS 10.4 Tiger e 10.5 Leopard è stato ufficializzato il passaggio nativamente alle CPU X86 (Intel in questo caso) dalle precedenti PowerPC (IBM). Fino alla release successiva 10.6 Snow Leopard era presente un’applicazione, Rosetta, che permetteva di emulare la maggior parte delle applicazioni PowerPC su Intel. Quindi sicuramente un eventuale emulatore aiuterebbe il passaggio.

MacBook con processore ARM dal 2021?
MacBook con processore ARM dal 2021? | Evosmart.it

Nel caso di macOS Leopard il passaggio effettivo è avvenuto in circa 3 anni. Una volta che tutti gli sviluppatori avranno aggiornato i loro software per la nuova architettura, non ci saranno più problemi di compatibilità. Ma per questo ci vorrà tempo.

Meglio ARM o Intel X86?

Sono architetture molto diverse. Sarebbe già complicato dire se è meglio Intel o AMD, che se la giocano con lo stesso tipo di architetture…

I vantaggi dei processori Intel X86, soprattutto su dispositivi mobile, riguardano un consumo abbastanza basso rispetto ai competitors X86, tanta potenza e la possibilità di salire tanto di frequenza, anche nonostante i non ottimi sistemi di dissipazione dei MacBook e MacBook Pro.

I vantaggi dei processori ARM sono tanti e soprattutto a lungo periodo. Tanto per incominciare è una famiglia di processori più giovane e con più alti margini di miglioramento. E il suo miglior banco di prova in questi ultimi anni è stato quello di smartphone e tablet, che ha visto, anno per anno, crescere core, potenza e frequenze. E da questo punto di vista non è difficile incontrare processori ARM arrivare a frequenze che sfiorano i 3 GHz all’interno di smartphone e tablet, dotati di raffreddamento passivo.

Inoltre, quello che forse è il più grande vantaggio di ARM per ogni produttore è il fatto che stiamo arrivando a prestazioni quasi da PC, usando pochissimi Watt di corrente. Ecco un esempio, rimanendo in casa Apple.


Basti pensare che ad oggi i processori Intel più a basso consumo (Core Y – i5-8210) usati sui MacBook Air 2019 sono processori dual-core e 4 thread da 1.6 GHz a massimo 3.6 GHz, scheda grafica integrata UHD Graphics 617 e un consumo massimo di circa 7 W. Un Apple A13 Bionic (iPhone 11 e 11 Pro) è un processore esa-core in configurazione

che può raggiungere i 2.66 GHz, dotato di GPU Apple proprietaria e un consumo di circa 6 W. Secondo alcuni test quali 3D Mark – Ice Storm, il processore Apple andrebbe circa al doppio (100% vs 51%) per quanto riguarda la grafica e la fisica. Nel test Geekbench 5, il punteggio Single-Core 64 bit per quanto riguarda la CPU vede lo stesso risultato (100% vs 49%). Nel punteggio Multi-Core 64 bit il vantaggio di A13 Bionic cresce a 2.5 volte (100% vs 41%).


MacBook con processore ARM dal 2021?
MacBook con processore ARM dal 2021? | Evosmart.it

Quello che forse invece è il più grande vantaggio per Apple, è che facendosi in casa i processori Apple A basati su ARM, tornerebbe ad avere pieno controllo dei suoi dispositivi mobili e fissi come succedeva, in parte, quando avevano processori IBM PowerPC. Questo si traduce in miglior controllo su tutto il pacchetto e potenzialmente una sicurezza addirittura migliore di quella che c’era al tempo dei PowerMac. Infatti Apple avrebbe un processore usato ad hoc per le sue macchine e un sistema operativo pensato ad hoc per i suoi processori.

Ci sono già processori ARM nei Mac Apple?

Certo! La maggior parte dei nuovi prodotti Apple hanno al suo interno dei processori ARM dedicati a compiti specifici. I MacBook Air, MacBook Pro, iMac Pro, Mac Mini e Mac Pro hanno al loro interno i chip T1 e T2. Questi chip sono dedicati al funzionamento della Touch Bar, alla gestione del sistema, al sistema di crittografia in hardware, al funzionamento dell’SSD ed infine al Touch ID.

MacBook con processore ARM dal 2021?
MacBook con processore ARM dal 2021? | Evosmart.it

Uscita

Secondo il noto analista Ming-Chi Kuo il primo Mac con a bordo un processore ARM arriverà nella prima metà del 2021. Inoltre ci dice che già da quest’anno Apple sta migrando il suo software su ARM.

L’unico modo per FLOPPARE

A mio modo di vedere l’unico modo in cui Apple potrebbe sbagliare l’approccio ad un cambio di architettura, sarebbe relegandola a B-side di macOS standard basato su Intel X86. Cioè creando dei prodotti fini a sé stessi relegati alle sole e poche app disponibili per ARM alla stregua di un iPadOS leggermente più desktop, ma sempre mobile. Che poi con Apple non si sa mai. Magari venderebbe comunque tantissimo…

Via

ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI

Lascia un commento

* usando questo form aderisci all'archiviazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Puoi modificare quando vuoi le tue preferenze. Accetto Leggi di più