iPhone 12: tutto quello che c'è da sapere sulle fotocamere posteriori
Apple Curiosità

iPhone 12: tutto quello che c’è da sapere sulle fotocamere posteriori

STIMA TEMPO DI LETTURA: 7 min

Già da alcuni anni gli smartphone hanno raggiunto una qualità tale in ambito fotografico da poter soppiantare in molti scenari di utilizzo le fotocamere compatte. Gli iPhone di Apple in particolare hanno ottenuto nel tempo un’affidabilità sempre maggiore nel punta e scatta.

Leggi anche: AirPod Studio in ritardo: problemi nella fase di produzione

Con iPhone 12, Apple ha ancora una volta alzato l’asticella della qualità fotografica dei suoi smartphone. Un risultato possibile grazie alla nuova ottica del sensore principale (ora più luminosa) e alle migliorie rese possibili dal nuovo processore di immagine integrato all’interno di A14 Bionic. Ma la novità più succosa è stata integrata all’interno di iPhone 12 Pro Max.

NUOVA OTTICA PRINCIPALE PER IL SENSORE PRINCIPALE

iPhone 12: tutto quello che c'è da sapere sulle fotocamere posteriori
Tutti gli iPhone 12 hanno nuovo sistema a 7 lenti per l’ottica principale | Evosmart.it

iPhone 12, iPhone 12 Mini e iPhone 12 Pro hanno tutti in comune lo stesso sensore principale e lo stesso sensore con ottica ultra grandangolare. Se per quanto riguarda il sensore ultra grandangolare le principali migliorie, tra cui la compatibilità con la night mode derivano dal nuovo processore di immagine, lo stesso non possiamo dire del sensore principale.

L’ottica principale da 12 MP su questi tre modelli mantiene lo stesso sensore della precedente generazione ma cambiano le lenti integrate nell’ottica. Ora all’interno dell’ottica è presente un sistema a 7 lenti con apertura f/1.6; su iPhone 11 invece ci si fermava ad un’apertura pari a f/1.8.

iPhone 12: tutto quello che c'è da sapere sulle fotocamere posteriori | Evosmart.it
Il sensore standard ora vanta un’apertura maggiore | Evosmart.it

Un valore più basso per l’apertura in realtà indica un‘apertura maggiore, ed esso indica la quantità di luce che può entrare nel sensore. Per ovvi motivi di spazio la quasi totalità degli smartphone in commercio ha ottiche con apertura fissa, mentre gli obbiettivi delle fotocamere, grazie ad un’apposito meccanismo integrato nelle ottiche, possono sfruttare un’apertura variabile.

iPhone 12: tutto quello che c'è da sapere sulle fotocamere posteriori
L’ottica ultra grandangolare è presente su tutta la gamma ed è rimasta invariata rispetto alla precedente generazione | Evosmart.it

Si tratta quindi di un valore importante per gli smartphone e che consente di ottenere con un valore di apertura più alto (maggior quantità di luce in entrata) migliori risultati in condizione di illuminazione scarsa.

LO ZOOM OTTICO RESTA NELLA FAMIGLIA IPHONE PRO

Come già successo con iPhone 11 solo i modelli Pro di iPhone 12 sono dotati di un sensore con ottica telescopica. Ma questa volta non abbiamo lo stesso valore di lunghezza focale su entrambi i modelli Pro.

iPhone 12: tutto quello che c'è da sapere sulle fotocamere posteriori
Nessuna novità per l’ottica zoom di iPhone 12 Pro | Evosmart.it

L’obbiettivo zoom di iPhone 12 Pro resta praticamente identico a quello già presente su iPhone 11 Pro e 11 Pro Max. Esso consente infatti uno zoom ottico 2x (lunghezza focale equivalente di 52 mm) e possiede un’apertura pari a f/2.0.

iPhone 12 Pro Max invece può spingersi più lontano (ma neanche troppo) grazie ad uno zoom ottico 2,5x (lunghezza focale equivalente di 62 mm). Di contro l’ottica zoom di iPhone 12 Pro Max è leggermente meno luminosa con un valore di apertura pari a f/2.2.

iPhone 12: tutto quello che c'è da sapere sulle fotocamere posteriori
Lunghezza focale maggiore ma ottica meno luminosa per iPhone 12 Pro Max | Evosmart.it

Sono differenze minime e che, almeno sulla carta, non valgono la differenza di prezzo tra i due modelli. Non possiamo dire lo stesso per l’aspetto che più di tutti contraddistingue il nuovo iPhone 12 Pro Max: il nuovo sensore principale.

PER UNO SMARTPHONE GRANDE CI VUOLE UN SENSORE GRANDE

Per gli appassionati di fotografia e tecnologia la novità più interessante è presente solo sull’imponente iPhone 12 Pro Max. La risoluzione di tutti (ma proprio tutti) i sensori presenti nella nuova lineup iPhone si ferma ai classici 12 MP; un valore che ci sembra quasi basso ora che molti produttori si spingono su valori assurdi tra cui i celebri sensori da 108 MP realizzati da Samsung.

Peccato che una tale risoluzione sia difficilmente gestibile su attrezzature professionali di alto livello, figuriamoci su un dispositivo compatto e multifunzionale come lo è uno smartphone. Apple ha preferito quindi restare sul sicuro: in ambito mobile 12 MP sono più che sufficienti.

A fare la differenza su iPhone 12 Pro Max è la dimensione del sensore principale che può vantare  pixel grandi 1,7 µm ed è più grande del 47% rispetto al sensore utilizzato sull’ottica standard degli altri modelli. Secondo quanto dichiarato da Apple, con questo upgrade è possibile ottenere un miglioramento delle prestazioni pari all’87% in condizioni di scarsa luminosità, ma non è finita qui.

STABILIZZAZIONE OTTICA INTEGRATA SUL SENSORE

iPhone 12: tutto quello che c'è da sapere sulle fotocamere posteriori
Su iPhone 12 Pro Max la stabilizzazione ottica è sul sensore | Evosmart.it

Oltre al nuovo sensore più grande Apple ha introdotto importanti miglioramenti per la sua stabilizzazione. Se sugli altri modelli, come anche su quelli precedenti, la stabilizzazione è stata integrata sull’ottica, solo il nuovo sensore di iPhone 12 Pro Max può vantare una stabilizzazione integrata sul sensore stesso.

In termini pratici ciò permetterà ad iPhone 12 Pro Max prestazioni ancora migliori in termini di stabilizzazione durante la registrazione video. Il nuovo sistema di stabilizzazione avrà il suo impatto anche in fase di scatto. Durante la presentazione Apple fa l’esempio dello scatto a mano libera in modalità Night Mode: grazie a questo sensore i tempi di scatto si possono allungare fino a 2 secondi.

IPHONE 12 PRO MAX È PIÙ PRO DI IPHONE 12 PRO

iPhone 12 ufficiale: svelati prezzi e disponibilità
L’impressionante potenza di fuoco di iPhone 12 Pro Max | Evosmart.it

Se iPhone 11 Pro e iPhone 11 Pro Max sono praticamente lo stesso smartphone ma con dimensioni differenti, non possiamo fare la stessa affermazione per iPhone 12 Pro e iPhone 12 Pro Max. Chi vuole puntare sul massimo dell’esperienza fotografica su iPhone questa volta dovrà scegliere il modello più grande e costoso.

Un cambio di strategia netto e che ricorda la scelta fatta da Samsung con le varianti Ultra di Galaxy S20 e Note 20. Anche in questi due esempi i modelli più costosi della gamma sono dotati di funzioni esclusive dal punto di vista fotografico. Siete d’accordo su questa scelta da parte di Apple di differenziare in modo importante i modelli Pro tra di loro? Probabilmente a pagarne le conseguenze sarà proprio iPhone 12 Pro: troppo simile ad iPhone 12 e meno ‘dotato’ del superdotato iPhone 12 Pro Max.

Fonti consultate: Apple, Saggiamente

ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI

Lascia un commento

* usando questo form aderisci all'archiviazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Puoi modificare quando vuoi le tue preferenze. Accetto Leggi di più