iPhone 12 sarà il primo smartphone con chipset a 5nm?
Apple Leaks Novità

iPhone 12 sarà il primo smartphone con chipset a 5nm?

STIMA TEMPO DI LETTURA: 2 min

Un chipset mobile per poter funzionare al meglio non ha bisogno esclusivamente della forza bruta, questo Apple lo sa bene. Negli ultimi anni i chipset proprietari sviluppati dall’azienda di Cupertino hanno stupito per l’incredibile rapporto tra efficienza energetica e prestazioni. Con iPhone 12 probabilmente vedremo un ulteriore step evolutivo in questa direzione.

Leggi anche: Apple sceglie BOE: sarà il secondo fornitore di display OLED per iPhone dopo Samsung

RUMOR DALLA CINA: NEL Q2 DEL 2020 TSMC AVVIERÀ LA PRODUZIONE DI MASSA PER I CHIPSET A 5NM

Secondo un report della testata cinese Commercial Times, TSMC inizierà la produzione di massa dei chipset con processo produttivo a 5nm nel secondo trimestre dell’anno. Questa notizia riguarda molto da vicino Apple poiché l’azienda taiwanese, già da anni uno dei suoi principali fornitori, sarà l’unica in grado di fornire questi nuovi chipset nel corso del 2020.

I tempi resi noti da questi nuovi report coincidono inoltre con i tempi necessari al lancio di iPhone 12. Ma non saranno solo i melafonini a beneficiare di questa nuova tecnologia.
Sebbene Apple sia uno dei principali clienti per TSMC (due terzi della produzione verrà destinato al colosso californiano) anche HiSilcon (azienda legata a Huawei) sarà tra i primi clienti ad usufruire del nuovo processo produttivo a 5nm. Ciò confermerebbe i rumor che indicavano Huawei Mate 40 come il primo smartphone Android a godere del nuovo processo produttivo grazie al nuovo Kirin 1000.

I VANTAGGI DEL NUOVO PROCESSO PRODUTTIVO

apple a13 bionic 5
Che novità ci riserverà Apple con il nuovo chispet A14? | Evosmart.it

Gli attuali smartphone di fascia alta sfruttano dei chipset dotati di processo produttivo a 7nm, un risultato già notevole che ha portato alla realizzazione di processori dall’alta efficienza energetica. Il passaggio al processo produttivo a 5nm porterebbe ad un ulteriore vantaggio in questa direzione.

Questo perché la possibilità di ridurre le dimensioni del SoC, non solo consentirebbe grazie allo spazio ottenuto in più la possibilità di inserire nuove componenti, ma permetterebbe anche una maggiore efficienza energetica. Con un minor consumo si ottiene anche un altro importante beneficio: la riduzione delle temperature; un fattore molto importante negli smartphone dove, per motivi di spazio, normalmente sì è costretti ad affidarsi ad un sistema di riduzione delle temperature di tipo passivo (fanless).

Il 2020 quindi non si prospetta un anno interessante solamente per la sempre più ampia diffusione di dispositivi (si spera anche di infrastrutture) 5G, o per la presenza di nuovi ed interessanti form factor (smartphone flessibili), ma anche per l’introduzione di processori sempre più prestanti, soprattutto dal punto di vista energetico.

Via: Phonearena

ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI

1 commento

iOS 14 e iPad OS 14: ecco quali potrebbero essere i device compatibili - Evosmart.it 27 Gennaio 2020 at 11:02

[…] Leggi anche: iPhone 12 sarà il primo smartphone con chipset a 5nm? […]

Rispondi

Lascia un commento

* usando questo form aderisci all'archiviazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Puoi modificare quando vuoi le tue preferenze. Accetto Leggi di più