Ifixit mette a confronto i MacBook con chip M1 con i modelli Intel
Apple Curiosità Novità

Ifixit mette a confronto i MacBook con chip M1 con i modelli Intel

STIMA TEMPO DI LETTURA: 4 min

I nuovi MacBook Air e MacBook Pro 13″ mantengono inalterato il loro aspetto nei confronti dei modelli Intel che vanno a sostituire. Questo nonostante la rivoluzione legata alla presenza del nuovo Apple M1 che va a sostituire le CPU Intel a cui siamo abituati. Le somiglianze però continuano anche all’interno, lo svela iFixit che è riuscita a mettere le mani sui nuovi laptop di casa Apple.

Leggi anche: iPhone 12 Mini: il nuovo aggiornamento risolve il bug della schermata di blocco

MACBOOK AIR METTE DA PARTE LA VENTOLA, NON NE HA PIÙ BISOGNO

Una volta aperto MacBook Air mostra uno schema costruttivo molto simile al modello di inizio 2020, a parte un piccolo ma importante dettaglio: manca la ventola. Al suo posto è presente un blocco in alluminio il cui scopo è quello di dissipare passivamente il calore prodotto dal nuovo Apple M1.

Considerando la cattiva fama del MacBook Air Intel è comprensibile che più di una persona abbia un minimo di preoccupazione. Ma questa volta non c’è bisogno di preoccuparsi, perché gli iPad Pro montano chipset molto simili in scocche ancora più compatte di quelle di un laptop.

Ifixit mette a confronto i MacBook con chip M1 con i modelli Intel
MacBook Air grazie al nuovo M1 dice addio alla ventola: basta un dissipatore in alluminio | Evosmart.it

Il vecchio modello Intel soffriva di surriscaldamento perché era evidente già allora la volontà da parte di Apple di renderlo fin da subito un modello fanless. La ventola del vecchio modello non era collegata a nessun tipo di eat-pipe e nemmeno alla piastra posizionata sopra alla CPU Intel.

È quindi evidente che si tratti di un rimedio messo in atto solo nelle fasi finali di progettazione per evitare di far fondere  la macchina. Ora grazie al chip M1 Apple ha potuto realizzare il MacBook Air per come era pensato inizialmente senza i compromessi derivanti dalle CPU Intel.

MACBOOK PRO 13 MANTIENE LA SUA IDENTITÀ, LA VENTOLA È PIÙ SILENZIOSA MA RESTA LA STESSA

Diversamente da quanto ci si poteva aspettare MacBook Pro 13″, pur adottando lo stesso chipset, non va ad avvicinarsi al nuovo MacBook Air ma mantiene la sua identità. La scheda madre, seppur riprogettata, mantiene quasi le stesse dimensioni, così come resta pressoché inalterato il sistema di dissipazione.

Rimane quindi il sistema di raffreddamento attivo costituito da un singolo heat-pipe che porta il calore sprigionato dalla CPU (nel caso di M1 però parliamo di un SoC) verso la ventola.

Ifixit mette a confronto i MacBook con chip M1 con i modelli Intel
La ventola di MacBook Pro 13″ con M1 è identica a quella del modello precedente con CPU Intel | Evosmart.it

Se inizialmente i primi test avevano fatto pensare all’introduzione di una ventola di nuova generazione, più silenziosa della precedente, a quanto pare non è così. iFixit ha messo ha confronto la ventola del MacBook Pro 13″ M1 con quella del modello Intel scoprendo che in realtà sono identiche.

La conclusioni di iFixit è semplice: il nuovo Apple M1 scalda molto meno delle CPU Intel, quindi la ventola si attiva molto di rado e con un regime decisamente più basso. Sono affermazioni decisamente credibili se consideriamo che MacBook Air con M1, pur essendo privo di dissipazione attiva, è in grado di ottenere ottime performance senza raggiungere temperature laviche.

BRUTTE NOTIZIE PER I RIPATORI DI TERZE PARTI

Ifixit mette a confronto i MacBook con chip M1 con i modelli Intel
Ifixit mette a confronto i MacBook con chip M1 con i modelli Intel | Evosmart.it

Le buone notizie però finiscono qui. Questo perché i nuovi laptop sono meno accessibili per quanto riguarda le riparazioni, soprattutto per i riparatori di terze parti. Come già sapevamo, le memorie sono saldate: la RAM è unificata al chipset M1, mentre la memoria SSD è saldata sulla scheda madre.

È quindi importante riflettere in fase di acquisto sulle nostre esigenze di spazio e prestazioni, visto che non sarà più possibile in futuro modificare questo parametro. iFIxit chiude il suo articolo con queste parole:

“Questi sono i MacBook che Apple voleva realizzare da anni, secondo i propri obbiettivi: sono silenziosi, veloci e interessanti. Sono anche meno accessibili per aggiornamenti e riparazioni, saranno difficili da riparare al di fuori dei centri autorizzati Apple”

Via: Macitynet

Fonte: iFixit

ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Puoi modificare quando vuoi le tue preferenze. Accetto Leggi di più