apple card
Apple Novità

Apple Card in roll-out per una fascia selezionata di utenti

STIMA TEMPO DI LETTURA: 2 min

Apple Card è il nuovo servizio di pagamenti che vi permette di usufruire delle funzionalità di Apple Pay utilizzando una comune carta di credito. Si tratta, infatti, di una carta collegata al Wallet del vostro iPhone, emessa da Goldman Sachs e controllata direttamente dalla casa di Cupertino.

Apple Card è stata presentata durante l’evento primaverile di Apple, tenutosi nella fine di marzo 2019, e punta a riunire tutti i servizi di Apple Pay in una carta fisica che potrete inserire nel vostro portafoglio. Attualmente, Apple Card non è disponibile nel nostro paese, e non sappiamo se e quando Apple estenderà il supporto per includere anche l’Italia.

APPLE CARD DISPONIBILE PER UN NUMERO RISTRETTO DI UTENTI

Nonostante l’incertezza riguardo al rilascio nel nostro paese, Apple ha iniziato il roll-out di Apple Card per una serie di utenti selezionati. Gli utenti che in queste ore stanno ricevendo Apple Card rappresentano una piccola percentuali di utenti che hanno sottoscritto il servizio sin dai primi attimi nei quali è stato reso disponibile il form di richiesta.

Leggi anche Apple Event 2019: ecco tutte le novità presentate

Sarà possibile iniziare ad utilizzare sin da subito Apple Card, in forma virtuale, tramite l’uso di Apple Pay. Wallet funzionerà quindi come “registro” delle transazioni, mostrando le spese effettuare e categorizzandole in base al tipo di acquisto, rendendo di fatto Apple Pay un’esperienza più vicina a quella che si ottiene tramite l’uso di una qualsiasi carta di credito.

Per chi, invece, desidera utilizzare Apple Card tramite l’apposita carta fisica, sarà necessario richiederne una (gratuitamente) durante il processo di configurazione, che sarà poi consegnata via posta nei giorni successivi. Sfortunatamente, la carta fisica non sarà contactless, una scelta che non riusciamo a capire data la spiccata vocazione tecnologica della Card.

Nonostante Apple Card sembrerebbe rappresentare un discreto successo per quanto riguarda gli Stati Uniti, non siamo a conoscenza di come il resto del mondo potrebbe accogliere il nuovo servizio della casa di Cupertino che, per ora, non ha accennato alla possibilità di un rilascio a livello internazionale.

Via: GSMArena

ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Puoi modificare quando vuoi le tue preferenze. Accetto Leggi di più