Novità Social & Community

YouTube: ecco le nuove pubblicità vietate sulla piattaforma

YouTube ne ha pensato un’altra delle sue. Il famoso sito streaming video ha deciso di vietare alcune pubblicità che rientrano in una particolare categoria.

YouTube: ecco le nuove pubblicità vietate sulla piattaforma | Evosmart.it

Leggi anche: YouTube: sulla piattaforma arrivano gli “applausi”

YouTube e i nuovi divieti

Dopo la novità degli “Applausi”, un nuovo metodo per incrementare i video sulla piattaforma e far condividere nuovi contenuti da parte dei content creator, arrivano nuovi divieti. Questa volta le novità riguardano le pubblicità.

A quanto pare gli sviluppatori di Google hanno pensato di eliminare tutte le pubblicità che fanno riferimento a campagne elettorali, politica in toto, bevande alcoliche, farmaci che richiedono prescrizione e anche gioco d’azzardo.

Potrebbe interessarti anche: Twitter permetterà agli utenti di cancellare le menzioni indesiderate nei post

Una vera e propria bomba del sito. Ricordiamo che già da tempo YouTube aveva “bannato” tutte quelle categorie che possono nuocere al pubblico come contenuti impropri, violenti, nudità, linguaggio inappropriato oppure informazioni false.

Cosa sappiamo

Le nuove limitazioni di YouTube riguardano in realtà la parte alta della pagina Web e sono già effettivi. In questo modo la piattaforma video e streaming ha voluto vietare tutti quei contenuti che fanno riferimento a casinò, medicinali specifici e anche annunci da parte di personaggi politici.

Leggi: Twitter pronto a fermare le fake news: ecco come

In poche parole, il servizio di Google mette al primo posto “l’esperienza dell’utente” e la qualità del tempo che questo trascorre sulla piattaforma.

Un portavoce di Google ha commentato questa novità così: “Controlliamo regolarmente i nostri requisiti pubblicitari per assicurarci che soddisfino sia gli inserzionisti, sia gli utenti. Riteniamo che questo aggiornamento si fonda sulle modifiche apportate lo scorso anno al processo di prenotazione dei masthead [la parte alta della pagina Web, ndr] e porterà a un’esperienza d’uso migliore per tutti gli utenti”.

Via: Everyeye.it

ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Puoi modificare quando vuoi le tue preferenze. Accetto Leggi di più