Novità

Nuove dichiarazioni sugli scontri dello stabilimento iPhone di Foxconn

Foxconn: le misure di sicurezza per la produzione di iPhone

Aggiornamenti sul fronte Zhengzhou, dove le proteste in corso nell’ultima settimana hanno portato alla luce immagini violente e le tante contraddizioni delle politiche produttive. Lo stabilimento di Foxconn, principale partner Apple per la produzione in Cina, si è trovato a fare i conti con scontri e serie manifestazioni di dissenso da parte dei lavoratori. Il tutto sembrerebbe essere stato scatenato dal mancato pagamento di alcuni bonus, che nel clima già molto teso ha innescato le proteste.

Leggi anche:

Nuovi risvolti sugli scontri alla Foxconn

Scontri tra forze dell'ordine e lavoratori allo stabilimento Foxconn di Zhengzhou
Scontri tra forze dell’ordine e lavoratori allo stabilimento Foxconn di Zhengzhou

Foxconn parla di un errore tecnico, alla base del mancato pagamento delle indennità per i neo-assunti. E vuole rimediare con un compenso di circa 1400 dollari per calmare le acque. Un’offerta che più di 20000 lavoratori sembrano aver accettato lasciando l’impianto.

Si tratterebbe di personale appena assunto e non ancora formato, per cui l’azienda specifica che: “L’incidente ha un grande impatto sulla nostra immagine pubblica ma poco sulla nostra attuale capacità produttiva”.

Dopo giorni di disordini anche Apple fa sentire finalmente la sua voce e dichiara che un team dell’azienda è in loco per affrontare la situazione.

Abbiamo membri del team Apple sul campo presso la struttura di Zhengzhou del nostro fornitore Foxconn. Stiamo esaminando la situazione e lavorando a stretto”.

Via: 1 | 2

Add to favorites 0

Lascia un commento

* usando questo form aderisci all'archiviazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Puoi modificare quando vuoi le tue preferenze. Accetto Leggi di più