s9 ed s9 plus partita una nuova class action
Android Novità

Samsung, ancora problemi: S9 e S9 plus sotto accusa.

STIMA TEMPO DI LETTURA: 3 min

Ci risiamo. Dopo i problemi, ben noti, dello sfortunato Note 7 e la sua batteria “esplosiva”, Samsung torna a far parlare di se per un altro difetto di fabbrica che, a quanto pare, affliggerebbe i suoi ultimi top di gamma, Galaxy S9 e S9 Plus.

Stavolta sotto i riflettori è finita la parte telefonica dei modelli con processore Exynos, quindi il problema è presente anche in Italia. A conferma di ciò posso dire di conoscere più di una persona che ha dovuto farsi sostituire lo smartphone proprio per ripetute interruzioni dell’audio in uscita, anche di durata considerevole,  durante le chiamate vocali. Non tutti gli utenti si accorgono subito del problema o pensano semplicemente a dei malfunzionamenti temporanei della rete telefonica ma, adesso che le segnalazioni iniziano ad aumentare in tutto il mondo, alcuni di loro iniziano ad ammettere che, facendoci caso, si sono accorti che anche le loro unità sarebbero coinvolte.

La questione è seria, e tutt’altro che marginale, tanto è vero che le segnalazioni, già diverse migliaia, continuano a susseguirsi in tutto il mondo. In Israele, come vedremo a breve, c’è chi si è spinto oltre.

Problemi in chiamata per s9 e s9 plus, migliaia le segnalazioni
S9 e S9 Plus avrebbero problemi all’audio in uscita durante le chiamate.

Galaxy S9 e S9 Plus, l’audio in uscita durante le chiamate si interrompe improvvisamente per alcuni secondi. Samsung è al lavoro per risolvere il problema che però sarebbe di natura hardware. Migliaia le segnalazioni, in Israele la prima class action.

Da colosso mondiale quale è, Samsung non poteva certo sottovalutare il problema ed infatti sono stati rilasciati diversi aggiornamenti software per cercare di mettere una pezza alla situazione che, come detto, inizia a prendere proporzioni importanti. Già in passato, con il sopra citato scandalo delle batterie del Note 7, Samsung ha dimostrato di non avere problemi ad assumersi le proprie responsabilità, nel caso ci siano, e ad ammettere i propri errori per il bene dei suoi milioni di utenti. Il primo comunicato ufficiale non è tardato ad arrivare, Samsung prende atto di un numero limitato, a suo dire, di segnalazioni e assicura di stare lavorando alla risoluzione del problema.

In Israele tutto questo non deve essere bastato a un gruppo di consumatori che ha deciso di agire per le vie legali. È stata depositata una class action contro il principale importatore Samsung. Il risarcimento richiesto è piuttosto ingente e l’argomentazione pare far leva sul fatto che il problema sia di natura hardware e non software.

Da quanto emerso infatti in diverse parti del mondo, ci sarebbero stati degli utenti che avrebbero effettuato diverse prove, con diversi operatori di rete, confrontando l’audio in chiamata di altri terminali con quello dei Galaxy e i disturbi si sarebbero evidenziati solo con questi ultimi. L’indiziato numero uno, causa del problema, è il modem dei modelli con processore Exynos che sarebbe incompatibile con alcuni apparati degli operatori telefonici quindi, come detto, problema prettamente di natura hardware. Un ulteriore conferma arriverebbe dal fatto che gli aggiornamenti software rilasciati da Samsung non avrebbero portato nessun miglioramento. Non ci resta che stare a vedere come si evolverà la situazione e come si comporterà Samsung in merito. Vi terremo aggiornati.

Via: DDay

ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI

Lascia un commento

* usando questo form aderisci all'archiviazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Puoi modificare quando vuoi le tue preferenze. Accetto Leggi di più