Apple Curiosità Novità

L’FBI usa il pugno di ferro: utente obbligato a sbloccare l’iPhone tramite FaceID

La storia recente ha insegnato come il rapporto tra la legge ed i codici di blocco degli smartphone non sia mai stato particolarmente solido e concreto. L’avvento di nuovi metodi di sblocco, riconoscimento del volto o dell’iride in primis, aveva sollevato alcuni interrogativi riguardo alla loro eccessiva sicurezza in caso di crimini, impedendo alle forze della giustizia di poter accedere ai dati del dispositivo in oggetto. I lontani Stati Uniti, tuttavia, sembrano aver utilizzato il pugno di ferro, applicando una politica di tolleranza zero e obbligando un utente a sbloccare lo smartphone per accedere a tutti i dati.

L’FBI OBBLIGA L’INDAGATO A SBLOCCARE L’IPHONE CON IL FACEID

La vicenda accaduta in territorio statunitense può essere considerata come la prima in cui le autorità obbligano un utente terzo a sbloccare il proprio dispositivo con il fine di accedere ad informazioni sensibili. Grant Michalski, questo il nome dell’utente sotto indagine, è stato forzato dall’FBI ad utilizzare il proprio volto al fine di autorizzare lo sblocco del suo iPhone X tramite FaceID. Lo smartphone di Grant, sfortunatamente, risultò bloccato per troppo tempo e non fu possibile accedere all’ulteriore codice numerico necessario.

L'FBI obbliga un utente a sbloccare il proprio iPhone tramite FaceID
L’FBI obbliga un utente a sbloccare il proprio iPhone tramite FaceID | Evosmart.it

Escludendo alcune difficoltà legali, tuttavia, Michalski è stato ugualmente condannato per possesso di materiale pedopornografico ed, in aggiunta, ad incastrarlo sarebbero state alcune chat con minori – di cui una con un agente dell’FBI sotto copertura.

SÍ AL FACEID, NO ALLE PASSWORD

É necessario ricordare che i codici alfanumerici sono protetti dal Quinto Emendamento della Costituzione e, di conseguenza, il singolo non può essere forzato a svelare la propria password alle autorità. Il Quinto Emendamento, infatti, certifica il diritto della persona a non testimoniare contro sé stesso, fenomeno che si verificherebbe in caso di ammissione della sequenza di lettere e numeri a protezione del dispositivo. La situazione e la realtà dei fatti sarebbe differente analizzando lo sblocco tramite sensori biometrici dove, paradossalmente, l’Emendamento non sarebbe legalmente attuabile.

Violazione di privacy e di diritti umani oppure una mossa necessaria? Soltanto la propria opinione personale saprà dare una risposta a questo interrogativo che, di certo, si dividerà tra questi due pensieri opposti tra loro.

Via 9to5Mac

ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Puoi modificare quando vuoi le tue preferenze. Accetto Leggi di più