Android Apple Novità

Immuni: ci siamo? Pubblicato il codice sorgente dell’applicazione

STIMA TEMPO DI LETTURA: 2 min

Dopo diverse settimane si torna a parlare dell’applicazione Immuni. Quest’ultima è stata ed è ancora oggi al centro delle polemiche, ma è davvero così ” pericolosa” ? Non poco tempo fa vi abbiamo detto la nostra a riguardo, ma a quanto pare la questione privacy è ancora molto calda.

Leggi anche: L’ Applicazione “Immuni” solleva il problema della privacy: non vi siete accorti che l’abbiamo persa da tempo?

IMMUNI: PUBBLICATO IL CODICE SORGENTE

Durante la notte è stato reso noto il codice sorgente dell’applicazione su Github, una piattaforma all’interno della quale sono presenti sviluppatori di ogni parte del mondo; da oggi tutti potranno confrontarsi e consultare la documentazione per quanto riguarda il funzionamento software di Immuni.

A questo punto possiamo dire con certezza che l’applicazione sempre più vicina; non a caso sia Apple che Android hanno rilasciato un aggiornamento compatibile con il contact tracing, nonchè il tracciamento dei contatti sfruttabile dall’applicazione. Questa funzione è attivabile attraverso le impostazioni della privacy – salute.

Leggi anche: Apple: rilasciato iOS 13.5! Ecco le novità

Stando a quanto detto, quest’ultima vanterà dell’ esclusivo utilizzo della tecnologia bluetooth, ragion per cui, l’esclusione del ” gps” dovrebbe salvaguardare alcuni dettagli riguardanti la privacy.- Immuni seguirà il modello decentralizzato di Apple e Google. –

La struttura di essa prevede una parte dedicata alla registrazione, una sorta di diario clinico all’interno del quale dovrà essere riportata la propria condizione di salute e, una volta eseguite tutte le indicazioni, sarà lei stessa a generarci un potenziale codice. Ognuno di noi avrà dunque un codice identificativo e anonimo che, attraverso il bluetooth, andrà a scontrarsi con quello di un altro. Questa funzione prenderà il nome di ” contact tracing”.

Qualora si risultasse positivi bisognerà tutelare gli altri e avviare la procedura di isolamento, tuttavia chi non rispetterà le regole andrà in contro a grosse sanzioni.

L’ applicazione dovrebbe essere disponibile per tutti tra 10/ 15 giorni; vi ricordiamo che non vi è nessun obbligo per quanto riguarda il suo utilizzo.

Via: Everyeye

 

 

ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI

1 commento

Distanziamento sociale: Google lancia Sodar - Evosmart.it 29 Maggio 2020 at 15:02

[…] Leggi anche: Immuni: ci siamo? Pubblicato il codice sorgente dell’applicazione […]

Rispondi

Lascia un commento

* usando questo form aderisci all'archiviazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Puoi modificare quando vuoi le tue preferenze. Accetto Leggi di più