IFA 2018 | I 4 nuovi colori di Huawei P20 Pro
Android Novità

Huawei bandita ufficialmente dagli Stati Uniti, il decreto verrà attuato nei prossimi mesi

STIMA TEMPO DI LETTURA: 3 min

A partire dall’accordo mancato di Huawei con gli operatori telefonici statunitensi la situazione è andata sempre peggiorando. Oggi, proprio durante le negoziazioni tra Stati Uniti e Cina per tentare una distensione nodo commerciale, l’amministrazione Trump ha emanato due nuovi decreti per la sicurezza nazionale. A farne le spese sono nuovamente le compagnie di telecomunicazioni cinesi.

Leggi anche: Huawei Mate 20 Pro a 599€ da Esselunga! Ecco l’offerta

Huawei colpita ancora dall’amministrazione Trump, l’azienda non potrà acquistare tecnologia statunitense

A finire nell’occhio del ciclone sono soprattutto le infrastrutture 5G fornite da Huawei | Evosmart.it

Il primo dei provvedimenti era previsto già da diverso tempo ed impedisce alla compagnie americane di utilizzare equipaggiamenti per le telecomunicazioni provenienti da produttori considerati pericolosi per la sicurezza nazionale. Tra le compagnie a rischio, oltre a Huawei, sono state inserite China Mobile, China Telecom e China Unicom. Questo provvedimento potrebbe anche colpire le aziende statunitensi più piccole, le quali attualmente si affidano a soluzioni di rete di Huawei e ZTE.

Il secondo provvedimento colpisce in modo ancora più diretto il colosso cinese. Infatti esso impedisce a Huawei di comprare tecnologie di vitale importanza provenienti dagli Stati Uniti se non tramite delle autorizzazioni speciali. Come nel primo caso questo provvedimento non solo avrà conseguenze dirette per l’azienda cinese, ma colpira anche alcuni tra i suoi principali fornitori.  Tra di essi ricordiamo i chipmaker Qualcomm e Broadcom i quali potrebbero avere delle significative ripercussioni dal punto di vista delle entrate.

HUAWEI RISPONDE AI NUOVI PROVVEDIMENTI E MINACCIA ULTERIORI CAUSE LEGALI

Huawei P30: ecco perchè non sappiamo il suo punteggio su DxOMark
Nel mercato europeo invece Huawei continua a restare forte nonostante le pressioni provenienti da oltreoceano  | Evosmart.it

La motivazione dietro a queste misure di sicurezza è sempre la stessa. La paura da parte del governo americano che le infrastrutture di Huawei possano essere sfruttate a scopo di spionaggio dalla Cina. Dal canto suo la risposta dell’azienda cinese non si è fatta attendere:

Bandire Huawei dal mercato USA non renderà gli Stati Uniti più forti o sicuri, invece questo costringerà gli USA a servirsi di alternative inferiori e più costose, lasciando indietro la nazione nello sviluppo delle reti 5G. Inoltre queste restrizioni irragionevoli violeranno i diritti di Huawei e solleveranno altre gravi contromisure legali.

La situazione quindi è tutt’altro che buona per Huawei per quanto riguarda i rapporti col mercato americano e la soluzione sembra lontana. In Europa invece Huawei continua ad operare ed ha una forte presenza sia nel mercato consumer che in quello delle telecomunicazioni. Una situazione che non fa piacere al governo americano, il quale ha fatto più volte pressione sull’Unione Europea in merito alla questione. Dal canto suo l‘Unione invece si è espressa lasciando ai singoli stati la decisione di sfruttare o meno le tecnologie di Huawei.

Via: GizChina

Fonte: Reuters.com

ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI

Lascia un commento

* usando questo form aderisci all'archiviazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Puoi modificare quando vuoi le tue preferenze. Accetto Leggi di più