Google Foto: un bug avrebbe causato l'invio di video privati
Android Novità Social & Community

Google Foto: un bug avrebbe causato l’invio di video privati

STIMA TEMPO DI LETTURA: 2 min

Uno tra i servizi più usati e apprezzati dagli utenti Android e non solo (essendo disponibile anche per iOS) è Google Foto. L’applicazione oltre a fungere da galleria locale per le foto archiviate, permette il backup automatico di video e foto sui server. Proprio questa funzionalità è stata di recente colpita da un bug piuttosto grave per quanto riguarda la privacy degli utenti.

Leggi anche: Google I/O 2020: ecco le date dell’evento

VIDEO PRIVATI INVIATI A PERSONE SCONOSCIUTE, UNA MAIL AVVISA GLI UTENTI DI GOOGLE FOTO

Sebbene il bug sia stato stato risolto l’azienda di Mountain View ha pensato bene di avvisare gli utenti di questo possibile rischio. La funzionalità colpita da questo gravissimo bug è Google Takeout. La funzione normalmente dovrebbe consentire di esportare foto e video presenti sul proprio account. Il bug però potrebbe aver causato la ricezione di un archivio incompleto o addirittura di video privati appartenenti ad un altro utente.

Stando alle stime di Google questo bug riguarderebbe un numero molto ristretto di utenti e pari allo 0,01%. Anche se si tratta di una percentuale molto piccola dobbiamo considerare che Google Foto conta più di un miliardo di utenti registrati. Si tratta quindi di un numero piuttosto importante di utenti. Di seguito vi riportiamo le dichiarazioni rilasciate a 9to5Google da un portavoce di Google:

“Stiamo avvisando le persone di un bug che potrebbe aver interessato gli utenti che hanno usato Google Takeout per esportare i propri contenuti da Google Foto tra il 21 e il 25 Novembre. Questi utenti potrebbero aver ricevuto un archivio incompleto o video di altri utenti. Abbiamo corretto la problematica che causava il bug e abbiamo condotto un’analisi approfondita per evitare che accadano nuovamente eventi di questo genere. Siamo molto dispiaciuti per ciò che è accaduto.”

Al momento non sappiamo se questo bug ha colpito solamente alcune aree geografiche o se si è diffuso a livello globale. Ma se non avete ricevuto nessuna mail di servizio da parte di Google non dovreste aver corso nessun rischio. Inoltre come già precisato nell’articolo questo insolito bug è già stato corretto da Google.

Via: Everyeye

Fonte: The Verge, 9to5Google

ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI

Lascia un commento

* usando questo form aderisci all'archiviazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Puoi modificare quando vuoi le tue preferenze. Accetto Leggi di più