Novità Sicurezza

Ban per il 5G di Huawei in Australia, colpita anche ZTE

STIMA TEMPO DI LETTURA: 3 min

Brutte notizie per le ambizioni di Huawei. Il colosso cinese, uno tra i principali leader nelle infrastrutture di rete, ha ricevuto un duro colpo da un nuovo ban commerciale. Questa volta ad essere colpiti non sono gli smartphone della società cinese, ma bensì la fornitura in Australia delle infrastrutture di rete per il nuovo standard 5G.

Leggi anche: Huawei: rinuncia definitiva al mercato americano?

ALTRO DURO COLPO PER HUAWEI, L’AUSTRALIA DECIDE DI TAGLIARE FUORI L’AZIENDA CINESE DAL MERCATO DELLE RETI 5G DEL PAESE, COLPITA ANCHE ZTE

Ban per il 5G di Huawei in Australia, colpita anche ZTE.

Ban per il 5G di Huawei in Australia, colpita anche ZTE | Evosmart.itA scatenare il ban da perte dell’Australia verso Huawei e ZTE ci sarebbero motivazioni legate a problemi di sicurezza nazionale, dovute alla preoccupazione legata al controllo esercitato da parte del governo Cinese sulle compagnie locali. Il tutto però senza che ci siano motivazioni reali o fatti che abbiano dimostrato l’effettiva pericolosità da parte della presenza di Huawei e ZTE nel mercato, d’altra parte le due aziende Cinesi hanno sempre affermato di lavorare nel rispetto delle norme internazionali di mercato.

Le motivazioni di questo nuovo ban, sono alla fine praticamente le stesse che hanno portato al ban prima di ZTE e poi di Huawei dal mercato Statunitense. Questo clima da “caccia alle streghe” è favorito e probabilmente dall’inasprimento dei rapporti commerciali tra i due paesi. Di seguito vi riportiamo parte del comunicato della divisione Australiana di Huawei:

HuaweiLa decisione del governo Australiano di bandire Huawei dal mercato 5G del paese è motivato da scelte politiche, e non è il risultato una scelta basata sui fatti a seguito di un trasparente ed equo processo decisionale.

Inoltre il brand Cinese prosegue affermando come le azioni da parte del governo Australiano “minano i principi di concorrenza e dello scambio equo privo di discriminazioni”, ribadendo successivamente la sua posizione in un Tweet sul suo account ufficiale, ricordando come Huawei abbia lavorato per 15 anni nel territorio Australiano fornendo in modo sicuro e affidabile tecnologie di comunicazione wireless nel paese.

Purtroppo in questo periodo i cattivi rapporti tra Stati Uniti e Cina stanno fortemente influenzando il mercato globale, anche in un fase di cambiamento importante come l’arrivo delle reti 5G a livello globale. Possibile che questa forte volontà da parte di alcuni governi di tornare ad una forma di mercato con una forte impronta protezionistica possa portare invece che benefici, forti svantaggi per gli utenti finali? Voi cosa ne pensate in merito?

Via: Gizmochina.com

ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI

1 commento

Google dice No a Huawei: scoppia un caso. E adesso? - Evosmart.it 20 Maggio 2019 at 12:52

[…] saperne di più leggi anche: Ban per il 5G di Huawei in Australia, colpita anche ZTE – Altra batosta per Huawei: British Telecom rimuove alcune installazioni – Huawei […]

Rispondi

Lascia un commento

* usando questo form aderisci all'archiviazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Puoi modificare quando vuoi le tue preferenze. Accetto Leggi di più