Recensione OnePlus 8T, dove T sta per TANTA ROBA!
Android Curiosità Novità

OnePlus festeggia un 2020 da record negli Stati Uniti

L’abbiamo ripetuto fin troppe volte: il 2020 è stato un’anno particolarmente problematico, in cui anche il mercato degli smartphone ha subito una forte contrazione. Nonostante tutto c’è un brand che almeno negli Stati Uniti è riuscito a migliorarsi e non di poco: stiamo parlando di OnePlus.

Leggi anche: Sony Xperia 1 III si mostra a 360° nei render di Evan Blass

NEL 2020 ANNO RECORD PER ONEPLUS NEGLI USA, TUTTI GLI ALTRI IN CALO

In un 2020 fortemente condizionato dalla pandemia e dai problemi di approvvigionamento nelle catene produttive OnePlus ha fatto la parte del leone. L’azienda fondata da Carl Pei (ora a capo della nuova startup Nothing), rispetto al 2019 ha fatto registrare una impressionante crescita del 163%.

Questo non vuol dire che all’improvviso OnePlus sia diventato il brand più diffuso sul territorio USA. L’azienda resta un OEM di piccole dimensioni, soprattutto se messa a confronto con colossi come Samsung ed Apple. Infatti questa crescita percentuale viene calcolata tenendo conto dei numeri fatti registrare dalla stessa OnePlus l’anno precedente.

OnePlus festeggia un 2020 da record negli Stati Uniti
OnePlus festeggia un 2020 da record negli Stati Uniti | Evosmart.it

Questa importante crescita su base annua è stata resa possibile, secondo il report di Counterpoint, da due fattori chiave. Il primo è legato all’aumento di prezzo dei top gamma rivali: iPhone 12 e Galaxy S20 in primis. Il secondo è dovuto all’ampia diffusione di smartphone OnePlus tra gli operatori telefonici statunitensi.
Diversamente del mercato degli smartphone Europeo, quello Nord Americano è dominato dagli operatori telefonici: gran parte delle vendite di nuovi smartphone negli Stati Uniti è legata ai contratti stipulati con essi. OnePlus collabora dal 2018 (lancio di OnePlus 6T) con T-Mobile e, nel corso degli anni, si sono aggiunti Sprint (2019) e Verizon (2020).

UN 2020 DA DIMENTICARE PER UNA GOOGLE SCONFITTA IN CASA: -66% RISPETTO AL 2019

Recensione Google Pixel 4a, il compatto di Big G

Le aziende ad aver subito il calo più contenuto nel 2020 sono state Apple (-3%) e Samsung (-5%). LG in qualche modo ha contenuto i danni con calo pari al 19%; numeri decisamente meno lusinghieri per Motorola che registra un calo pari al 57% rispetto all’anno scorso. Dati ancora più impietosi per Google che chiude un 2020 da dimenticare con un -66%; un dato che fa pensare se consideriamo che provengono dal mercato (quello Statunitense) dove il colosso di Mountain View puntava di più.

Via: Gizchina

Fonte: Counterpoint

ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI

Lascia un commento

* usando questo form aderisci all'archiviazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Puoi modificare quando vuoi le tue preferenze. Accetto Leggi di più