Nel 2021 l'era delle app a 32-Bit su Android avrà termine
Android Firmware e OS Novità

Nel 2021 l’era delle app a 32-Bit su Android avrà termine

STIMA TEMPO DI LETTURA: 2 min

Se all’inizio solamente i top di gamma Android potevano vantare processori in grado di supportare l’esecuzione di App a 64-Bit ora, grazie all’arrivo di nuovi chipset a 64-Bit nelle fasce più basse del mercato, anche i dispositivi di fascia bassa possono dire addio ai 32-Bit. Di certo questo ha aiutato a far stilare finalmente a Google un calendario per gestire nel migliore dei modi questa transizione.

Leggi anche: Google dice NO all’impronta sotto al display: NON è sicura

Google è pronta a dire addio alle app a 32-Bit su Android, a partire dal 2019 tutte le app nuove e aggiornate dovranno avere il supporto al 64-Bit

Nel 2021 l'era delle app a 32-Bit su Android avrà termine
Nel 2021 l’era delle app a 32-Bit su Android avrà termine | Evosmart.it

Ovviamente l’addio da parte di Google alle App a 32-Bit non sarà immediato e repentino, infatti agli sviluppatori è stato dato un ampio margine di tempo per poter portare a termine questa transizione. Già a partire da Agosto 2019 in ogni caso tutte le nuove App o eventuali aggiornamenti dovranno avere necessariamente una versione a 64-Bit, esclusi da questa data di scadenza tutti i giochi esistenti e basati su Unity 5.6 o versioni precedenti.

L’ADDIO DEFINITIVO ALLE APP A 32-BIT AVVERRÀ SOLAMENTE NEL 2021

L’addio definitivo al 32-bit ci sarà solamente nell’Agosto del 2021. Al raggiungimento di tale scadenza sul Play Store saranno presenti solamente le App a 64-Bit. La necessità di terminare il supporto alle App a 32-Bit, almeno su smartphone, era già stata anticipata da Google. Ovviamente questo processo ha bisogno di tempo vista l’enorme diffusione di vecchi dispositivi economici con chipset a 32-Bit. Ma questo passaggio permetterà agli utenti di avere App che sfruttano al massimo le capacità degli attuali processori. Su Wear OS e Android TV invece continua il supporto alle App a 32-Bit vista anche la minor potenza di calcolo necessaria sulle TV Smart e sugli smartwatch.

Su iOS invece il passaggio definitivo al mondo delle App a 64-Bit è avvenuto nel 2017 con il lancio di iOS 11. Questo passaggio è stato facilitato dal fatto che gli smartphone di Cupertino sono tutti dispositivi di fascia alta che già da tempo erano equipaggiati con SoC a 64-Bit. Inoltre probabilmente con MacOS 10.15 nel corso del 2019 Apple dirà addio alle App a 32-Bit anche sui dispositivi Mac.

Via: phonearena.com

ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI

Lascia un commento

* usando questo form aderisci all'archiviazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Puoi modificare quando vuoi le tue preferenze. Accetto Leggi di più