Il supercomputer di Folding@Home supera la potenza di 1 ExaFlop
Android Apple Linux macOS Novità PC e Mac Windows

Il supercomputer di Folding@Home supera la potenza di 1 ExaFlop

STIMA TEMPO DI LETTURA: 2 min

Potrei stare ore ed ore a scrivere cosa è Folding@Home e come lo usassi già più di 10 anni fa. Ma preferisco dirvi come potete usarlo VOI per far parte del supercomputer da più di 1 ExaFlop che sta cercando di combattere il COVID-19.

In primis vi spiego brevemente cos’è Folding@Home e di cosa si occupa. In breve è un software che si occupa di dividere un grande calcolo, distribuendolo su più calcolatori, al fine di velocizzarne il calcolo. Per questo si parla di calcolo distribuito o calcolo condiviso. Grazie a questo metodo non esiste un vero e proprio supercomputer che si occupa di risolvere un problema. Ma TU puoi fare parte di questo supercomputer per dare una mano a scienziati e ricercatori.

Leggi anche: Huawei lancia il suo e-commerce

UNISCITI a Folding@Home per andare oltre l’ExaFlop!

Il progetto Folding@Home nasce per aiutare nasce per simulare e studiare diversi fenomeni come dinamiche molecolari e la progettazione di farmaci. In questo momento il mondo è afflitto dal virus del COVID-19. Già più di 400.000 persone hanno aderito al progetto offrendo la potenza di calcolo dei dispositivi che abbiamo in casa (o in mano).

Solo qualche giorno fa raggiunse i 474 PetaFlops. Ed ora lo storico traguardo di 1 ExaFlop. Per inciso è la potenza che equivale ad eseguire esattamente 1.000.000.000.000.000.000 operazioni al secondo. E questo è stato reso possibile anche grazie a partner cone Nvidia, Github, Razer, Intel e Ubisoft.

Per aderire al progetto ti basta donare tutta o una parte della potenza di calcolo del tuo PC, smartphone, tablet o notebook. Il tuo aiuto permetterà ai ricercatori di trovare i punti deboli del virus e mettere a punto nuovi metodi di trattamento.

Per farlo dovrai scaricare il programma di Folding@Home direttamente da questo sito. Il programma è disponibile per Windows, macOS, Android e Linux.

Per saperne di più a riguardo vi lasciamo ad un post in inglese sul sito. Spiega tutto nel dettaglio.

Il supercomputer di Folding@Home supera la potenza di 1 ExaFlop
Il supercomputer di Folding@Home supera la potenza di 1 ExaFlop | Evosmart.it

Impostare al meglio Folding@Home

Una volta scaricato il programma potrete scegliere quanta potenza dedicare al progetto. Per analizzare la piccola quantità di dati che vi verranno inviati potrete usare solo la CPU a mezzo servizio nel caso sceglieste l’impostazione Light. Se invece vorreste far lavorare a tre quarti la CPU e al massimo la GPU potete provare a usare l’impostazione Medium. Con Full invece, spingerete al massimo la vostra macchina (noi lo sconsigliamo). Si può anche decidere di farlo quando non usate attivamente il computer o smartphone.

Fonte | Via

ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI

Lascia un commento

* usando questo form aderisci all'archiviazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Puoi modificare quando vuoi le tue preferenze. Accetto Leggi di più