Effetto Covid: calo di vendite in Cina ma Huawei resiste
Android Novità

Il ‘regalo’ d’addio di Trump a Huawei: ritirata anche la licenza concessa a Intel

STIMA TEMPO DI LETTURA: 3 min

A partire dalla primavera 2019, Huawei è rimasta coinvolta suo malgrado nella guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina. In particolare l’amministrazione Trump, nel corso degli ultimi 2 anni, ha fatto leva su regolamenti relativi alla sicurezza nazionale inserendo Huawei nella Entity List. In seguito i nuovi provvedimenti hanno reso sempre più difficile la posizione di Huawei, soprattutto l’impossibilità di commerciare con TSMC.

Leggi anche: Trump banna Xiaomi? Facciamo il punto della situazione

NUOVI GRATTACAPI PER HUAWEI: RITIRATA LA LICENZA A MOLTE AZIENDE TRA CUI INTEL

Il 'regalo' di addio di Trump a Huawei: ritirata anche la licenza concessa a Intel
Il ‘regalo’ di addio di Trump a Huawei: ritirata anche la licenza concessa a Intel | Evosmart.it

Nonostante tutte le limitazioni imposte dal ban statunitense, il colosso cinese è riuscito nel tempo ha trovare un nuovo equilibrio investendo maggiormente nel campo degli accessori e dei Notebook Windows. Questo grazie alle licenze concesse ad Intel e Microsoft per poter commerciare con Huawei.

Ora però, a pochissimi giorni dal cambio della presidenza, l’amministrazione Trump ha preso un ultimo e importante provvedimento. Proprio quando si pensava che li provvedimento presi nei confronti di Xiaomi fosse il suo ultimo colpo di spugna, ecco arrivare un’altra macchia nella guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina.

Stando a quanto riportato da Reuters, l’amministrazione Trump nei sui ultimi giorni di attività avrebbe revocato ben 8 licenze. Come se non bastasse gli uffici amministrativi hanno respinto le richieste di licenza delle aziende in attesa di approvazione.

RITIRATA LA LICENZA ANCHE A KIOXIA, IL PRODUTTORE DI MEMORIE NIPPONICO NON HA COMMENTATO L’ACCADUTO

Il 'regalo' di addio di Trump a Huawei: ritirata anche la licenza concessa a Intel
A due giorni dalla fine del mandato nuovi provvedimenti da parte dell’amministrazione Trump | Evosmart.it

Sempre secondo il report di Reuters, il Dipartimento del Commercio ha ritirato la licenza anche a Intel ed al produttore di memorie nipponico Kioxia (precedentemente conosciuta come Toshiba Memory Corp). Entrambe le aziende una volta interpellate non hanno commentato l’accaduto.

Al momento non abbiamo nessun comunicato ufficiale da parte di Huawei. Le aziende coinvolte hanno 20 giorni di tempo per rispondere alla revoca. Il Dipartimento del Commercio ha altri 45 giorni per poter decidere se cambiare la propria decisione o se renderla definitiva. Se quest’ultimo caso si verificasse le aziende coinvolte avrebbero altri 20 giorni per fare appello.

Trump lascerà la Casa Bianca il mercoledì di questa settimana, difficile dire se l’amministrazione uscente avrà o meno altre sorprese in serbo prima di lasciare il passo al nuovo esecutivo.
Noi ovviamente ci auguriamo per il bene dell’industria tecnologica che l’amministrazione Biden utilizzi un’approccio decisamente più pragmatico. Anche perché a subire le conseguenze di questa guerra commerciale non è solo la Cina, ma anche le aziende provenienti da tutto il mondo, Stati Uniti compresi.

Via: Gsmarena

Fonte: Reuters

ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI

Lascia un commento

* usando questo form aderisci all'archiviazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Puoi modificare quando vuoi le tue preferenze. Accetto Leggi di più