HarmonyOS: le principali caratteristiche del OS di Huawei
Android Novità

Basterà HarmonyOS a risollevare Huawei?

Huawei sta calando a picco. Il ban di Trump a distanza di quasi 2 anni sta portando a disastri di vendita nella casa cinese che fino a poco tempo fa era agli apici del market share globale.

Adesso a Huawei sono rimaste solo le briciole ed il confronto con i competitor è impietoso. Questi i dati di inizio 2021 rispetto a quelli dello stesso periodo del 2020.

Basterà HarmonyOS a risollevare Huawei?
Market share Q1 2021 | Evosmart.it

Come si evince dalla tabella Huawei non figura neppure tra i primi 5 vendor.

Samsung, in prima posizione, aumenta di circa 20 milioni di pezzi spediti rispetto al periodo precedente. Lo stesso fa Apple in seconda posizione e Xiaomi in terza, anche se comprende i vari brand Xiaomi, Redmi e Poco. Oppo, da solo, al quarto posto con una crescita di 15 milioni di unità spedite. Segue Vivo con circa lo stesso risultato.

Dopodiché abbiamo tutti gli altri tra i quali figurano Huawei, Honor, Sony, Realme, Motorola, TCL, Wiko, OnePlus, Nokia HMD e molti altri.

Leggi anche: L’eredità di LG nel settore smartphone

Huawei ha ancora una carta da giocarsi. HarmonyOS

Adesso siamo ad Aprile, e tra poco dovremmo finalmente vedere la nuova serie P50 di Huawei. Già lo scorso anno la serie P40 era orfana dei Servizi Google integrati in Android. Nel mentre Huawei ha integrato, un po’ per volta, i suoi Huawei Mobile Services in Android, continuando a far parlare di sé per lo sviluppo di HarmonyOS, un fork Android in progetto da tempo, il cui sviluppo è stato velocizzato a partire dal Maggio 2020 (ban USA di Trump).

Ora… HarmonyOS, come detto, è un fork di Android, ovvero un “variante” di Android Open Source Project detto semplicemente AOSP. Android infatti, è un progetto libero e liberamente modificabile da chiunque voglia. Quello che non è libero è il Google Play Store e tutti i servizi che ci girano attorno.

E qui bisogna fare i dovuti distinguo. I cosiddetti Play Services o Google Mobile Services (GMS) sono tutti quei servizi o processi che fanno in modo che le applicazioni dialoghino con Android e con i server Google. Sono necessari al corretto funzionamento di applicazioni, smartphone e notifiche. I servizi Google non sono quindi le varie applicazioni Meet, Maps, YouTube, GMail etc, ma il collegamento che queste applicazioni fanno con il resto del sistema operativo.

Ogni sistema operativo deve avere dei servizi che facciano dialogare tutte le parti del puzzle. Apple ha i suoi servizi ad esempio. Però ha le applicazioni di Google ma non i servizi Google. Allo stesso modo tutti gli smartphone hanno dei propri servizi che fanno dialogare le varie parti anche senza passare dai Play Services, se non è necessario. Samsung ha i suoi, Sony ha i suoi, Xiaomi ha i suoi, Huawei ha i suoi. Nel caso specifico di Huawei, l’azienda ha dovuto potenziarli per sopperire alla mancanza forzata dei Google Play Services o Google Mobile Services che dir si voglia.

HarmonyOS altro con è che una versione modificata di Android come accade per molti smartphone cinesi senza il Play Store, con i Huawei Mobile Services al centro di tutto. Sarà integrata – così si dice – nella serie P50 e dovrebbe mettere una enorme pezza ai problemi degli ultimi 2 anni.

Solo il tempo però ci dirà se sarà abbastanza per risollevare le sorti di Huawei in questo momento difficile che ha già visto la dipartita di un importante brand come LG.

Fonte | Via

ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Puoi modificare quando vuoi le tue preferenze. Accetto Leggi di più