Android Leaks

Il CEO Jack Wong lascia trapelare alcune indiscrezioni su Meizu 16

STIMA TEMPO DI LETTURA: 2 min

Dopo i primi rumors emersi nei giorni scorsi, ecco che arrivano interessanti indiscrezioni sulla prossima generazione di smartphone della casa cinese direttamente dal CEO Jack Wong. Per cominciare il fondatore di Meizu ha confermato che Meizu 16 Plus sarà dotato di un sensore di impronte sotto il display, affermando inoltre che la produzione di massa dello smartphone è già incominciata, segno che l’evento di presentazione ufficiale é ormai alle porte.

Leggi anche: Meizu 16 e 16 Plus: ecco i prezzi e le caratteristiche della nuova generazione

A differenza però degli altri competitor come Vivo, che si sono rivolti a produttori di terze parti come Qualcomm e Synaptics per la produzione del sensore, Wong ha affermato che Meizu 16 Plus sarà dotato di un sensore di impronte sotto il display sviluppato direttamente dalla casa cinese. Parlando del dispositivo le informazioni emerse fino ad ora, parlano di un processore Qualcomm Snapdragon 845, in accoppiata alla GPU Adreno 630 con tagli di memoria che arrivano fino a 8 GB di RAM e 256 GB di memoria interna.

Il CEO ha inoltre lasciato qualche indiscrezione relativa a Meizu 16, confermando che verrà proposto anche in una variante dotata di processore Snapdragon 710, in modo da proporre una lineup simile a quella vista nell’attuale generazione composta da tre modelli: la variante Lite, standard e Plus.

Ultimo ma non meno importante tra le affermazioni rilasciate dello stesso Wong, è che Meizu 16 sarà dotato di un rapporto schermo/superficie superiore a quella di iPhone X e Xiaomi Mi 8. Ciò significa che tale rapporto potrebbe essere prossimo al 90%, ponendo la nuova generazione come una valida proposta bezeless  rispetto a quella attuale che ha deluso non pochi adetti ai lavori sotto questo punto. Inoltre c’è molto attesa sul nuovo top di gamma della casa cinese, visto il recente periodo di crisi della casa cinese, che ha portato ad un consistente taglo di personale, lasciando a casa più di 2.000 lavoratori.

Fonte 1, 2 e 3

ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Puoi modificare quando vuoi le tue preferenze. Accetto Leggi di più