Curiosità

Google pronta a chiudere Google+

STIMA TEMPO DI LETTURA: 2 min

Google+ è la piattaforma social network di Google, che per varie ragioni, non è mai stata in grado di imporsi come le rivali Facebook e Twitter, social network che sono stati in grado di entrare nella vita di tutti i giorni. Il social network di Google ha sempre mostrato ottime potenzialità ma non è mai stato in grado di decollare, forse perché è arrivato qualche anno dopo l’inizio della corsa dei social, approdando in un settore già colmo di alternative.
Nel marzo 2018 inoltre, a causa di una falla di sicurezza che ha permesso la diffusione di informazioni personali degli utenti, Google+ ha subito una ulteriore emorragia di utenti, che lo ha portato ad una riduzione generale delle visite e delle iscrizioni, con molti utenti che hanno rinunciato al servizio smettendo di utilizzarlo. Secondo la stessa Google, la durata media di una sessione su Google+ per il 90% degli utenti è di un tempo inferiore ai 5 secondi, un valore davvero irrisorio, soprattutto se pensiamo alla quantità di tempo che la gente spende su social quali Facebook e Instagram.

GOOGLE CHIUDERÀ GOOGLE+

quartier generale google
La sede di Google a Mountain View
La compagnia di Mountain View si è vista quindi costretta a prendere la decisione di chiudere Google+, con un processo di cessazione graduale del servizio della durata di 10 mesi. Una decisione non di certo facile per la compagnia, che si trova ad affrontare di fatto una sconfitta, in un settore nel quale non era mai riuscita realmente a decollare, vedendosi costretta a gestire una piattaforma dai costi considerevoli per un bacino di utenza piuttosto limitato.
Tuttavia, i cambiamenti che Google apporterà ai suoi servizi non sembrano essere limitati a Google+, infatti il colosso di Mountain View sembra essere intenzionato ad aggiornare la privacy policy che riguarda moltissime API per l’interazione col sistema operativo Android e con il servizio Gmail. Per quanto riguarda Android, gli sviluppatori non saranno più in grado di accedere al registro chiamate ed agli SMS, con limitazioni relative anche ai contatti, che non saranno più accessibili tramite la Android Contacts API.
Google inoltre è al lavoro su un “social network sicuro” dedicato al Business, mostrando come la sua divisione social non sia in realtà destinata a morire, ma soltanto (in futuro) a cambiare target di riferimento, spostandosi dall’utenza comune alle aziende, che potranno usufruire di una nuova piattaforma a loro dedicata, che si integrerà probabilmente all’interno di altri servizi forniti da Big-G.
Fonte: The Verge

ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI

Lascia un commento

* usando questo form aderisci all'archiviazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Puoi modificare quando vuoi le tue preferenze. Accetto Leggi di più