Google Pixel 2 XL | Evosmart.it
Android Curiosità

Ecco le feature di Pixel 3 che saranno disponibili anche su Pixel 2

STIMA TEMPO DI LETTURA: 4 min

Google ha presentato l’altro ieri i nuovi Pixel 3 e Pixel 3 XL – per saperne di più leggi anche Google presenta Pixel 3 e Pixel 3 XL – i flagship Android che rappresentano di fatto il sistema operativo stesso. I nuovi dispositivi arrivano sul mercato con un parco software addizionale davvero molto interessante, soprattutto per quanto riguarda le feature relative alla fotocamera dei due device. È però risaputo che i dispositivi di Google non fanno sicuramente parte della fascia economica dei top di gamma Android, e si allineano sempre su una fascia di prezzo molto alta.
Moltissime persone che sono interessate all’acquisto di un device Google stanno quindi pensando di accaparrarsi un dispositivo dello scorso anno, che dovrebbe comunque essere supportato almeno per altre due major release del sistema operativo Android, e che si può trovare ora ad un prezzo di molto inferiore a quello proposto da Google per l’acquisto di un device della gamma Pixel 3. La domanda, più che lecita, che moltissime persone si sono poste è stata: quali di queste nuove feature di Google Pixel 3 saranno disponibili sui device della generazione passata? Vediamo quindi di fare un po’ di chiarezza.

ECCO LE FEATURE DI PIXEL 3 CHE ARRIVERANNO SU PIXEL 2

google pixel 3 presentazione

Night Sight

night sight fotocamera pixel
È il nuovo approccio di Google atto a migliorare le foto in scarse condizioni di luce, utilizzando 15 diversi frame catturati con un shutter speed di 1/3 di secondo, che dovrebbe restituire un risultato simile a quello che si può ottenere con una esposizione di 5 secondi in una scena a bassa luminosità. Sfortunatamente, il buffer che permette di ottenere lo “zero shutter lag” su Pixel 2 non è sufficientemente grande per contenere 15 frame, quindi sarà necessario tenere il telefono fermo un po’ più a lungo rispetto alla norma.

Playground


Google Playground è il successore cronologico e tecnico di AR Stickers, la feature esclusiva di Pixel 2 e Pixel 2 XL che vi permetteva di aggiungere personaggi in realtà aumentata alla scena, per poi poter scattare una foto o girare un video che includeva questi “personaggi virtuali”. Playground permetterà invece un certo livello di interattività con i personaggi AR, per permettere ad esempio di scattarsi un selfie con Iron Man in una posizione simpatica. I personaggi saranno inoltre in grado di reagire alle proprie espressioni, aumentando quindi il livello di realismo.

Duplex


Google Duplex è una nuova feature di Assistant che vi permetterà di semplificare alcune operazioni della vita quotidiana, quali prendere appuntamenti. Il sistema è infatti in grado di conversare telefonicamente con altre persone per potersi accordare, e sarà in grado di aggiungere automaticamente al calendario l’appuntamento registrato. Google è stata persino obbligata ad inserire un disclaimer a inizio conversazione, per avvisare l’interlocutore della presenza di un’entità virtuale dall’altra parte della cornetta, conseguenza dell’estremo realismo della voce di Duplex. La nuova feature sta per uscire dallo stadio di beta, e raggiungerà gli utenti di Pixel 2 americani con una fase di roll-out progressivo (arriverà mai qui da noi?).

Call Screen


Call Screen permetterà agli utenti di Pixel 2/3 di conoscere in anticipo la natura della conversazione per poter quindi evitare di rispondere, ad esempio, a comunicazioni a scopo commerciale, costituendo quindi un buon sistema di difesa contro lo spam telefonico, fenomeno piuttosto fastidioso della società del giorno d’oggi. Anche Call Screen utilizza il motore di intelligenza artificiale di Google Assistant, ed è quindi in grado di imparare, costruendo un database sempre più grande, e diventando quindi più preciso.
Google ha invece deciso di tagliare fuori le feature TopShot (Scatto Migliore) e Super Res Zoom dall’update di Pixel 2, probabilmente a causa della superiorità hardware dei nuovi dispositivi, che sono dotati del SoC Snapdragon 845 accompagnato da una nuova versione di Pixel Visual Core, il chip proprietario di Google dedicato all’image processing.
Via: Phonearena

ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI

Lascia un commento

* usando questo form aderisci all'archiviazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Puoi modificare quando vuoi le tue preferenze. Accetto Leggi di più